Cronaca

Guglielmo Belmonte ospite a Chi l’ha visto: l’intervista su Rai 3

Nel corso dell’intervista, Guglielmo Belmonte parlerà del disagio e dello stato di abbandono delle famiglie con una persona con autismo

Guglielmo Belmonte ospite a Chi l’ha Visto. Il giovane salernitano, scomparso dal 3 al 9 settembre scorsi e poi ritrovato a Bologna e riportato a casa, è stato intervistato da un’inviata di Federica Sciarelli e questa sera andrà in onda il suo racconto. La trasmissione si era occupata della sua vicenda durante le ricerche.

Guglielmo Belmonte Chi l’ha Visto: ecco cosa dirà

Nel corso dell’intervista, Guglielmo Belmonte parlerà del disagio e dello stato di abbandono delle famiglie con una persona con autismo. “È stato importante che la mia famiglia e gli amici mi abbiano cercato” Guglielmo risponde che sentire l’appello di amici e famiglia lo ha aiutato tantissimo “perché sentire tutto l’affetto mi ha aiutato a ritornare alla realtà. Mi ha permesso di tornare quello che ero prima.

Guglielmo risponde anche alle critiche ricevute da alcune persone che hanno affermavano che lui era scappato per andare a divertirsi: “No, assolutamente non mi stavo divertendo perché mi sono ritrovato in una situazione in cui non ero in me. Penso che queste persone che dicono che sono andato a divertirmi non possono capire il mio stato d’animo e spero che non arrivino mai al punto in cui sono arrivato io perché è una cosa veramente brutta.”

La situazione familiare di Guglielmo

La famiglia di Guglielmo vive una situazione davvero difficile. Il fratello maggiore soffre di autismo e Guglielmo si prende cura di lui insieme ai genitori. “È una situazione davvero stressante perché non posso prendermela con mio fratello o con i miei genitori. Spesso me la prendo con me stesso anche se è sbagliato.” Poi il racconto di quello che gli è successo quando ha deciso di fuggire. “Ho svalvolato, non ero in me. Quel giorno sono uscito di casa senza pensare a niente, avevo solo le sigarette. Inizialmente ho camminato fino a Vietri e poi ho continuato per la Costiera.”

Il viaggio di Guglielmo

Così Giuglielmo si incammina senza nulla con se, neppure qualche soldo per comprare cibo e acqua. “Per mangiare sono andato alla Caritas dove ho incontrato una suora molto carina che mi aiutato“.

L’impegno di Guglielmo con il fratello

Guglielmo poi racconta il suo rapporto con il fratello e della complessa situazione causata dalla sua condizione: “Purtroppo ha le sue fisse e quando non rispondi nel modo giusti si arrabbia. Siccome io lo conosco bene e quando sto con lui sta tranquillo. Quando non ci sono e lui ha queste crisi io mi sento in colpa e quindi è una situazione di impotenza. Mi piacerebbe che ci fossero degli aiuti in più”. A causa del Covid molte attività alle quali partecipava il fratello maggiore sono state sospese causando un aggravamento delle crisi di rabbia che Guglielmo e la famiglia gestiscono con grande difficoltà.

Articoli correlati

Back to top button