CronacaEconomiaInchiestaLavoro

Hotel falliti o in crisi, la provincia di Salerno in testa alla classifica

SALERNO. Il numero delle strutture turistico-ricettive all’asta in Italia è aumentato del 21% in sei mesi: e il record nella speciale classifica per province tocca a Salerno che con le sue 18 procedure in corso che riguardano alberghi, bed & breakfast, motel, campeggi e simili supera tutti gli altri capoluoghi d’Italia.

Con una particolarità in più: gran parte delle procedure (secondo il sito astefallimentari) riguarda in particolare la città di Capaccio Paestum, con 5 procedure aperte, seguita da Bracigliano, Nocera, Eboli, Ispani, Ceraso, Perdifumo, San Mango, Ascea, Camerota e Montecorvino Pugliano.

La situazione in Italia

Complessivamente in tutta Italia sono 217 le strutture ricettive avviate alla vendita all’asta, a fronte delle 179 rilevate nel luglio 2016. La diminuzione di oltre il 7% evidenziata nel primo semestre dello scorso anno, quindi, non è stata confermata. Anzi, la tendenza ha subìto una decisa inversione di marcia, con valori assoluti nettamente superiori anche a quelli del 2015.

I dati sono contenuti nel Rapporto semestrale sulle aste immobiliari del Centro Studi Sogeea, che è stato presentato in Senato.

A trainare la secca impennata del dato sono soprattutto il Sud (+50% rispetto alla scorsa estate) e il Nord (+41%), di fatto tornato ai livelli di dodici mesi fa; più contenuto l’incremento in Sicilia e Sardegna (+17%), mentre il Centro della Penisola è l’unica macro-area ad aver fatto registrare un lieve calo (-6%).

La crisi del Sud Italia

Poco più della metà degli immobili oggetto dell’analisi (111) è localizzato nel Mezzogiorno d’Italia (isole maggiori comprese), a fronte di una quota pari al 46% emersa a luglio 2016: un ulteriore segnale delle evidenti difficoltà incontrate nelle zone meridionali a contrastare una congiuntura di stagnazione economica ormai di medio-lungo periodo.

Le regioni

Gli incrementi più significativi si riscontrano in Sicilia (+52%), la regione italiana con più strutture all’asta insieme alla Toscana (32 a testa), in Campania (+68%) e in Calabria, passata da zero a 8 immobili in vendita. A livello nazionale, c’è da rilevare il +71% dell’Emilia Romagna e il +45% di Piemonte e Toscana. Migliora leggermente la situazione della Sardegna, passata da 25 procedure forzate a 22, e del Lazio, da 19 a 17. In fondo alla classifica la Liguria con un solo immobile all’asta.

Le province

A livello di province, invece, comanda Salerno con 18 strutture in vendita: il dato, l’unico a doppia cifra nel panorama nazionale, le consente di primeggiare nettamente rispetto a Frosinone, Pistoia e Rimini (9 per ognuna). Seguono poi Cuneo (8), Livorno, Pisa e Siracusa (tutte con 7).

Le dichiarazioni

«A pagare dazio sono soprattutto le realtà imprenditoriali di dimensioni contenute – spiega Sandro Simoncini, presidente di Sogeea e direttore del Centro Studi – il 55% dei complessi turisticoricettivi attualmente all’asta ha un prezzo inferiore al milione di euro.

Ovviamente anche la crescita del numero assoluto di strutture in difficoltà non può che preoccupare».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto