Tragedia di Rigopiano, archiviate le accuse, Feniello: “Sono schifato”

hotel-rigopiano-indagini

Archiviate le accuse per 22 indagati nell'inchiesta sulla tagedia dell'Hotel Rigopiano avvenuta il 18 febbraio del 2017. Le dichiarazioni

Archiviate le accuse per 22 indagati nell’inchiesta sulla tagedia dell’Hotel Rigopiano avvenuta il 18 febbraio del 2017.

Tragedia dell’Hotel Rigopiano

Il Gip del Tribunale di Pescara ha disposto l’archiviazione per 22 indagati nell’inchiesta sulla tragedia dell’Hotel Rigopiano di Farindola avvenuta il 18 febbraio del 2017 quando una valanga di neve travolse la struttura causando la morte di 29 persone, tra cui il 28enne di Valva Stefano Feniello.

 

Le dichiarazioni

“L’unico a pagare, fino ad oggi, sono io per aver portato i fiori a Stefano, e sto affrontando un processo per questo, ricordando il procedimento che sta affrontando per avere violato, il 21 maggio 2018, i sigilli giudiziari del resort -.

Chi mi ha detto che mio figlio era vivo, facendomi illudere per 4 giorni che sarebbe tornato a casa, invece no, perché l’ha fatto a fin di bene.

Io invece i fiori a mio figlio perché li ho portati? Per fare del male a qualcuno? Ma ce l’avete una coscienza? Sono schifato, qualcuno deve spiegarmi come è possibile che a pagare siano sempre e solo i poveracci, mentre chi sta al potere può stare tranquillo, sbagliare, uccidere, e rimanere al proprio posto. Se non fosse per la promessa fatta a Stefano, avrei già abbandonato tutto. Questa è l’Italia”

TAG