Inchiesta

Imprenditore di Battipaglia chiede affidamento delle figlie minori dopo 13 anni di “oblio”. Vicenda in Tribunale

BATTIPAGLIA. Noto imprenditore attivo anche in politica con il Movimento Cinque Stelle a Battipaglia chiede un affidamento condiviso di due figlie minorenni senza averle molto frequentate dalla loro nascita. Cosa molto strana visto che anni fa ha inscenato una causa di disconoscimento per una delle due figlie, persa in Tribunale dopo le opportune verifiche del caso e l’iter giudiziario.

Una storia singolare che ci arriva da un nostro lettore di Battipaglia, il quale ovviamente ha preferito rimanere anonimo. Allo stesso modo manteniamo anonimi anche i nomi dei protagonisti.

La vicenda

Tutto è iniziato circa 13 anni fa, quando una coppia con due figlie, di cui una che stava per nascere, giunse alla decisione di separarsi. Una scelta che condusse entrambi a vivere, diversi anni dopo, due vite con altre persone e con percorsi sostanzialmente paralleli. L’ex moglie, anni dopo, ha iniziato una relazione duratura con un’altra persona. L’ex marito ha fatto altrettanto con un’altra donna.

Al momento della separazione, le figlie furono date in affidamento esclusivo alla donna, con la possibilità per l’ex marito di visitarle per qualche ora settimana. Una opportunità che lui non ha quasi mai sfruttato. Al punto che le figlie sono sostanzialmente cresciute solo con la mamma.

In questi giorni, a distanza di tredici anni dalla separazione, con un rapporto mai esistito tra le due figlie e il padre, al momento di firmare l’atto di divorzio, l’uomo ha chiesto l’affidamento condiviso.

La nuova compagna condannata per stalking

Va detto che anni fa, l’allora compagna dello stesso è stata condannata per stalking nei confronti proprio delle due minorenni. Un altro caso singolare in una vicenda dalle tinte fosche.

Articoli correlati

Back to top button