Economia

Imprese straniere, il Salernitano in contro tendenza

NAPOLI. Sono 6.673 sulle 99.817 totali in provincia, nel primo trimestre di quest’anno, le imprese straniere attive nel Salernitano. Lo rivela il quotidiano La Città.

L’unica area in Campania dove non aumentano negli ultimi 12 mesi. Salerno è lontana dalle prime dieci province italiane. La graduatoria, invece, vede Napoli terza per quantità di milioni inviati oltreconfine.

I dati emergono da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano, Monza,  Brianza,  Lodi, su dati del registro delle imprese e Banca d’Italia.

La ricerca indica che in provincia di Salerno sono il 6,7% le aziende il cui titolare è nato all’estero. La percentuale delinea una certa marginalità del fenomeno.

A Caserta, infatti, più di un’impresa su dieci è straniera (sono 8.968, l’11,6%). A Napoli sono 21.064, l’8,8% del numero complessivo. Nella regione, percentuali più basse si trovano solo ad Avellino (2.366, il 6,2%) e Benevento (1.421, il 4,7%). Nel Salernitano, dall’anno scorso non si registrano variazioni significative: le imprese erano 6.670, ora solo 3 in più.

Nel complesso, è Roma la provincia con più aziende straniere (56.499), seguita da Milano (47.664), Torino (23.383), Napoli, Firenze (15.971), Brescia (11.600), Genova (10.296), Bologna (10.045), Verona (9.845) e Caserta (8.968). Sono 528.755 su tutto il territorio italiano. Napoli e Caserta, assieme a Lecce (6.812) si segnalano come un’eccezione, perché non esistono altre province meridionali tra le prime venti censite

Articoli correlati

Back to top button