Cronaca

Incendio discarica abusiva a Milano: parte provenivano da Salerno

In merito all’incendio di rifiuti che divampò in un capannone a Milano lo scorso 14 ottobre, sono state emesse 15 ordinanze di custodia cautelare. Quattro mesi dopo, la Squadra Mobile della Polizia, in collaborazione con i carabinieri del Noe, e sotto il coordinamento della Direzione distrettuale Antimafia di Milano, sono riusciti ad individuare i titolari della discarica abusiva e responsabili del traffico illecito.

Incendio discarica abusiva a Milano, molti rifiuti provenivano da Salerno e Napoli

Secondo le indagini, una gran parte dei rifiuti provenivano dalle raccolte urbane delle città di Napoli e Salerno. Quasi tutte le ecoballe avevano come sigla 0191212, che corrisponde alla raccolta proveniente proprio dalle città.

Le indagini

Le indagini hanno portato all’individuazione di un’ampia rete di persone in tutta Italia, che con diverse mansioni, si occupavano abusivamente di quantitativi ingenti di rifiuti speciali, costituiti principalmente da rifiuti indifferenziati urbani.

I rifiuti non venivano smaltiti regolarmente nei siti autorizzati ma accumulati ed abbandonati all’interno di capannoni.

Le ordinanze di custodia cautelare

Le 15 persone per le quali sono state emesse le ordinanze, di cui 8 in carcere, 4 agli arresti domiciliari e 3 con l’obbligo di dimora nel comune di residenza, sono ritenute responsabili di attività organizzata per il traffico illecito di rifiuti, attività di gestione dei rifiuti non autorizzata oltre che intestazione fittizia di beni.


Fonte: Salerno Today

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button