Incidente ad Agropoli, auto si schianta: morto Nico Ruggiero, grave il cugino

indagato-cugino-nico-ruggiero-morto-incidente-agropoli

Incidente ad Agropoli, dove un'auto si è schiantata con un muro: un ragazzo è morto e suo cugino è grave all'ospedale San Luca di Vallo della Lucania

Incidente ad Agropoli, dove un’auto si è schiantata con un muro: un ragazzo è morto e suo cugino è grave all’ospedale San Luca di Vallo della Lucania.

Incidente ad Agropoli

Terribile incidente stradale avvenuto questa notte ad Agropoli: in via Belvedere un’auto si è schiantata contro un muro dopo aver urtato un marciapiede e le conseguenze sono state devastanti.

In seguito al sinistro il 18enne Nico Ruggiero (residente a Torchiara) è morto, mentre il cugino Marco Gullo che era a bordo dell’auto insieme a lui è ferito e desta in gravi condizioni all’ospedale San Luca di Vallo della Lucania. Non è ancora chiara la dinamica dell’accaduto ma sembra che altri veicoli non siano stati coinvolti.

Sul posto è giunta un’ambulanza della Croce Bianca di Agropoli: uno dei due ragazzi è in codice rosso. Dolore e rammarico per la dipartita dell’amico.

Le reazioni a Torchiara ed Agropoli

Torchiara è in lutto per la morte di Nico Ruggiero ed è in forte apprensione per le condizioni del cugino Marco Gullo. Il giovane Nico era figlio di un barbiere: sia lui sia suo padre era molto conosciuti e ben voluti dalla comunità.

Tanti sono in queste ore i messaggi di cordoglio per la morte del giovane studente dell’Istituto Vico De Vivo di Agropoli. Anche il sindaco Adamo Coppola ha espresso il suo dolore per l’accaduto: “Esprimo, a nome mio e dell’Amministrazione che rappresento, profondo cordoglio alla famiglia Ruggiero di Torchiara, rispetto alla tragedia che è avvenuta questa notte ad Agropoli. Sono rimasto insieme alle forze dell’ordine fino alle 4 di questa notte per monitorare il rispetto dell’ordinanza di divieto dei falò. Pochi attimi dopo è accaduta l’immane tragedia che ha visto vittima un ragazzo giovanissimo. Un destino crudele, una notizia che ci lascia tutti attoniti”.

 

 

TAG