Cronaca

Capaccio Paestum, operaio morto in azienda: probabile malore

Incidente sul lavoro a Capaccio Paestum: un operaio indiano di 54 anni, Avtar Singh, è morto nella tarda serata di lunedì in un’azienda di allevamento di bufale in località Spinazzo.

Ucciso in un incidente sul lavoro

Cominciano a circolare le prime possibili ricostruzioni sulla morte dell’operaio 50enne che l’altra sera ha perso la vita a causa di un incidente sul lavoro: era stato infatti investito e ucciso da una mandria di bufale presso l’azienda zootecnica per la quale lavorava.

La vittima avrebbe battuto la testa contro una mangiatoia prima di essere preso in pieno dalla mandria di animali. L’uomo era un lavoratore di origini indiane, il quale era anche sottoposto a regolare contratto. Viveva in Italia da circa 20 insieme alla sua famiglia ed era parte integrante della società. Una persona ben voluta dal suo superiore, vittima di una vera e propria tragedia.

La prima ricostruzione dei carabinieri: le testimonianze

L’uomo avrebbe perso la vita intorno alle ore 22. Il tutto è stato scatenato da una fuga di bufale dalla recinzione, dato che il cancello risultava aperto. Una volta allertati gli altri colleghi, si è subito catapultato per cercare di risolvere la situazione, ma a quanto pare sarebbe scivolato, sbattendo la testa contro la mangiatoia.

Ancora da comprendere se sia scivolata per colpa propria o se urtato da un animale. In seguito al colpo subito alla testa, il 50enne avrebbe cercato di rialzarsi, nonostante fosse stordito: è stato in quel momento che le bufale l’hanno travolto, sotto agli occhi del figlio 22enne che era arrivato da poco.

Il decesso

Nonostante l’arrivo dei sanitari del 118, per la vittima non c’era nulla da fare: il suo corpo era privo di vita.

L’autopsia

Eseguita all’Ospedale di Battipaglia l’autopsia sulla salma dell’operaio deceduto l’altra sera. A causare il decesso, è un malore. L’uomo è morto mentre cercava di far rientrare le bufale in un’azienda agricola di località Spinazzo.

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto