Cronaca

Tragico incidente a Salerno, impossibile ricostruire la dinamica: l’investitore torna libero

Incidente a Salerno, ragazzo di 28 anni morto nell'impatto tra un'auto e lo scooter a bordo del quale c'era il giovane

È Luigi D’Urso il ragazzo morto Salerno nell’incidente avvenuto nella notte del 20 novembre. Il giovane, dipendente dell’Osteria Nonna Maria in via Masuccio Salernitano, aveva da poco finito di lavorare quando è salito sulla moto per rientrare a casa prima del tragico epilogo.

Incidente a Salerno, morto ragazzo di 28 anni

La tragedia si è consumata nella notte tra venerdì 19 e sabato 20 novembre, nei pressi del vecchio Tribunale. Per cause ancora tutte da chiarire, un’auto e uno scooter si sono scontrate. L’impatto è stato molto violento e non ha lasciato scampo al 28enne che stava percorrendo la strada a bordo del suo motorino.

Il dramma

Il ragazzo a bordo dello scooter è stato investito mentre incrociava il semaforo di via Roma, da un’auto che proveniva dalla ferrovia. Ancora non si conoscono le dinamiche della tragedia. Luigi lascia la compagna e due figli.

Il 20enne lascia i domiciliari

Omicidio stradale è l’accusa con cui un 20enne salernitano era finito agli arresti domiciliari. Misura non convalidata perché – dalle immagini delle telecamere presenti in zona non si evincerebbero elementi idonei a ricostruire la dinamica dell’incidente. Il giovane, dunque, torna in libertà.

Il fatto è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato, poco prima delle tre del mattino quando una Ford Fiesta con a bordo tre 20enni ha impattato contro il motorino a bordo del quale viaggiava un 28enne.

Chi è il 20enne

Torna libero, dunque, il conducente della Ford Fiesta che nella notte tra venerdì e sabato è rimasta coinvolta nell’ennesimo incidente, non è più in arresto ma è ancora molto provato per ciò che è accaduto e che è scaturito dallo scontro di quella terribile notte, al di là di quelle che poi saranno eventuali responsabilità penali della vicenda. Chi lo conosce riferisce di un giovane distrutto da quanto accaduto, molto provato dal fatto che un altro ragazzo abbia perso la vita e che questa assurda tragedia sia capitata proprio a lui.

Le indagini

Nella mattinata di oggi, intorno alle 9, sarà effettuata l’autopsia sulla salma di Luigi D’Urso che, nelle ultime 48 ore era rimasta sotto sequestro presso l’obitorio dell’ospedale Ruggi di Salerno. Esame autoptico che dovrebbe servire non tanto a evidenziare un nesso di causalità tra l’evento e il decesso del giovane, quanto a individuare ulteriori elementi che possano aiutare a spiegare la dinamica del sinistro.

Le ricostruzioni della tragedia

Come scrive anche l’odierna edizione de Il Mattino, il motorino a bordo del quale viaggiava il 28enne proveniva  dal lungomare e ha svoltato in via Arturo De Felice per andare verso via Diaz. All’altezza dell’incrocio con Corso Garibaldi, nei pressi dell’ex palazzo di giustizia, l’impatto violentissimo con un’automobile che viaggiava verso via Roma.

Disposta l’autopsia

Disposta l’autopsia sul corpo di  Luigi D’Urso,   travolto da un’auto mentre rientrava a casa nella notte di sabato. Un accertamento necessario per escludere una qualsiasi sua responsabilità anche minima nell’incidente stradale di sabato notte. Un accertamento – scrive la Città- che potrebbe richiedere diversi giorni, in caso fosse necessario eseguire esami istologici.

Articoli correlati

Back to top button