Cronaca

Due incidenti a Polla: sbatte contro il cimitero e lascia l’auto distrutta

Un altro veicolo sbatte in una casa

Nella note tra il 28 e il 29, due incidenti sono accaduti a Polla. Doppio incidente nella notte a Polla, sulla SR426 strada provinciale che congiunge Polla con Sant’Arsenio.

Due incidenti a Polla: auto sbatte contro muro di un’abitazione

In prossimità dell’intersezione con la salita del convento di Sant’Antonio, il conducente di un veicolo, una Alfa Romeo Mito, mentre viaggiava in direzione Sant’Arsenio ha perso il controllo del veicolo ed è andato a sbattere contro il muro di una abitazione.

Auto contro il muro del cimitero

Più grave l’incidente accaduto qualche decina di metri più avanti, in orario diverso proprio dinanzi il cimitero di Polla. In questo caso una Alfa Romeo 156, con direzione Polla, è andata ad urtare violentemente contro il muro del cimitero ed è carambolata sul muro opposto. Ingenti i danni al veicolo, lasciato in sosta a bordo strada. A quanto pare il conducente ne è uscito illeso. Ci sono accertamenti in corso.

Nel corso della mattinata il veicolo fuori al cimitero è stato rinvenuto dalla Polizia Locale di Polla guidata dal comandante Andrea Santoro, completamente distrutto e con tutti gli airbag aperti. Il veicolo è stato rimosso alcune ore dopo per la pericolosità che rappresentava nelle condizioni in cui si trovava, con le lamiere dell’abitacolo squarciate nel posteriore e la fuoriuscita di liquidi dal motore. La ditta Arechi Multiservice, società in house della Provincia di Salerno ente proprietario della strada, ha poi provveduto alla rimozione dei numerosi detriti che erano a bordo strada.

Le indagini

Sono in corso accertamenti sulle cause dei sinistri da parte della Polizia Locale, sicuramente la pioggia ha contribuito ma non è da escludere che una velocità non adeguata ancora una volta possa aver inciso su quanto accaduto. Questa volta si è scongiurata la tragedia: la comunità di Polla è ancora scossa per la tragica morte accaduta nei giorni scorsi a due ragazzi di Polla, Terenzio Volonnino e Vittorio Isoldi.

Articoli correlati

Back to top button