Eventi e cultura

Incomprensioni con l’amministrazione, niente “Paestum Street Food”

CAPACCIO-PAESTUM. Il comitato organizzativo del “Paestum Street Food” ha annunciato che quest’anno non si terrà la nota kermesse cilentana a causa di incomprensioni fatte registrare con l’attuale amministrazione comunale.

Il comunicato dell’organizzazione

Questo il comunicato con cui il comitato organizzativo ha reso nota la decisione in questione:

«Cari amici, comunichiamo a malincuore, che a causa di incomprensioni con l’attuale amministrazione comunale abbiamo deciso di annullare l’evento. Vi informiamo quindi che, seppur vi recaste al Linora Village, la nostra carovana di food truck non sarà presente. Ci scusiamo per gli eventuali disagi arrecati ma noi non amiamo mischiare le carte all’ultimo momento, poiché ci preme tutelare i clienti ed i nostri operatori food truck. Purtroppo, trattandosi di food, pensiamo che la clientela di ogni tappa debba avere la stessa attenzione al dettaglio che riserviamo a tutti»

La replica dell’amministrazione comunale

Non si è fatta certamente attendere la replica dell’amministrazione comunale:

«Nelle negoziazioni tra Pubblica Amministrazione e privati, il compito della prima è il perseguimento dell’interesse pubblico. Inizialmente, l’Amministrazione comunale aveva valutato la possibile fattibilità dell’ idea dello street food da realizzarsi in regime di partenariato con il privato proponente nell’area eventi Lin•Ora Village poiché  vicina e più alle esigenze della gente comune e delle famiglie che sono oculate nelle spese. Quando poi l’investitore privato pretende che la PA contribuisca all’accrescimento dei propri vantaggi sacrificando il bene pubblico, il compito della medesima PA diventa di salvaguardia e tutela del solo interesse pubblico».

«Al di là di mendaci affermazioni di comodo – hanno preseguito da palazzo di città – la manifestazione street food è stata annullata dall’organizzatore (e non dal Comune) che ha ritenuto insoddisfacenti le risorse economiche e strutturali messe a disposizione dal Comune giacchè nettamente inferiori alla richiesta. Inoltre, essendo risultata incompatibile anche la pretesa dell’organizzazione di poter apportare modifiche strutturali all’interno del Lin•Ora Village, l’area indicata per la sosta dei veicoli, sempre all’interno del Lin•Ora Village, non è stata di gradimento dell’organizzazione».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button