Curiosità

Le informazioni che contano nella scelta di una scopa elettrica

Le scope elettriche, di cui si sente parlare spesso, sono degli elettrodomestici abbastanza recenti, più facili da manovrare rispetto agli aspirapolvere tradizionali. Sono molto apprezzate, poiché permettono di agevolare le pulizie domestiche quotidiane. Ma come funzionano? Al di là che siano dotate o meno di cavo e che siano munite di sacco o di contenitore, funzionano allo stesso modo.

Infatti, sono provviste di una spazzola, che permette di raccogliere polvere, sporco e peli di animali, e di un meccanismo di aspirazione, che può essere più o meno potente ed efficace. I prodotti di base necessitano solo di essere accessi, mentre quelli di ultima generazione, dotati di numerose funzionalità, prevedono anche delle regolazioni, che non devono essere trascurate.

In generale, scegliere una scopa elettrica, anche se si punta a modelli non troppo complessi ed articolati, può risultare difficile, in quanto le soluzioni disponibili in commercio sono davvero tante, anche perché sempre più case produttrici decidono di puntare su questo tipo di articolo. Dunque, ci si trovare a dover attuare una scelta tra brand inflazionati ed altri poco conosciuti, ma altrettanto validi, come le aspirapolvere Severin.

Perché acquistare una scopa elettrica: vantaggi e svantaggi

Ma è davvero conveniente acquistare una scopa elettrica? Questa è certamente la domanda che si pongono i consumatori che non possiedono ancora questo genere di elettrodomestico. Certamente, molto dipende dalle necessità individuali. Tuttavia, bisogna dire che questo prodotto è nato per favorire le faccende di casa quotidiane.

É una soluzione certamente versatile, in quanto, oltre a pulire le superfici, permette di igienizzare tessuti e rivestimenti per gli arredi. Inoltre, le scope elettriche hanno un prezzo d’acquisto, fatta eccezione per i modelli più sofisticati, vantaggioso e competitivo. A ciò si aggiunge anche la possibilità di pulire senza dover attuare incredibili sforzi fisici e di poter contare su un ingombro ridotto.

Di aspetti negativi ce ne sono, ma sono pochi. Di fatto, questi elettrodomestici peccano un po’ dal punto di vista della potenza, che non è molto elevata. Infatti, non sono consigliati per effettuare pulizie profonde. Inoltre, la capacità è scarsa, in quanto, viste le dimensioni contenute, i sacchi ed i contenitori per lo sporco non possono essere troppo grandi.

Aspetti su cui focalizzare l’attenzione in fase di scelta

Quando si vuole acquistare una scopa elettrica, gli aspetti da considerare sono tanti. Sicuramente, al primo posto c’è la tipologia, il che vuol dire capire se si vuole un apparecchio con o senza cavo, con sacco o con batteria, lavapavimenti o a vapore. Attuata questa prima scrematura, è bene valutare la potenza, poiché da questa dipendono le prestazioni complessive dell’elettrodomestico, nonché la rumorosità ed i consumi energetici. Molto importanti da prendere in considerazione sono anche il peso e le dimensioni.

Tendenzialmente, è sempre meglio puntare a modelli compatti, poco ingombrati e pesanti, e facili da riporre. Da non sottovalutare, poi, sono i filtri, che consentono di ripulire l’aria aspirata dall’apparecchio prima di reimmetterla all’esterno. Infine, bisogna valutare se è presente o meno la tecnologia ciclonica, che permette di aspirare anche le particelle più piccole, e prendere in considerazione gli accessori, soprattutto le bocchette e le spazzole, poiché possono rendere l’apparecchio più versatile.

Articoli correlati

Back to top button