Inquinamento atmosferico, nel 2018 Nocera Inferiore supera i 65 sforamenti

piano-antismog-agro-nocerino-sarnese

Nocera Inferiore diventa città dell'inquinamento superando i 65 sforamenti: dati emersi dalla centralina Arpac di via Nola

NOCERA INFERIORE. Nocera Inferiore diventa città dell’inquinamento superando i 65 sforamenti: dati emersi dalla centralina Arpac di via Nola.

Nocera Inferiore supera i 65 sforamenti per inquinamento atmosferico

La città di Nocera Inferiore afflitta dall’inquinamento atmosferico: è il dato emerso dalla centralina Arpac di via Nola alla fine del 2018 che ha fatto registrare più di 65 sforamenti. Un risultato di certo poco confortante per una città che era riuscita, fino a poche settimane fa, a reggere il confronto allarmante con i dati del 2017, ma adesso tutto cambia.

Il 2018 si rivela dunque un anno nero per Nocera Inferiore in termini di smog, infatti i livelli di PM10 presenti nell’aria hanno superato gli sforamenti degli anni passati, tenendo conto che nel 2015 ce n’erano stati “soltanto” 39. Il 27 dicembre 2018 è stata riscontrata una media giornaliera di 112 unità per metro cubo, andate poi ad aumentare fino al 31 dicembre. Da questo punto di vista, Nocera Inferiore è il primo Comune per sforamenti in tutta la provincia di Salerno e anche nei confronti di Benevento e Avellino. A livello regionale, invece, si trova in quarta posizione, anticipata dunque da Acerra, Pomigliano d’Arco e San Vitaliano.


Fonte : La Città

TAG