Cronaca

Scandalo Salerno, le rivelazioni di Zoccola fanno tremare il palazzo | Spunta intercettazione su De Luca

Interrogatorio Fiorenzo Zoccola, spunta l'intercettazione su De Luca. Una chiamata del 17 settembre 2020 con Enzo Autuori

Cosa ha detto Fiorenzo Zoccola durante l’interrogatorio durato 8 ore? Per ora tutto tace sul fronte interrogatori dopo l’esplosione del caso che ha portato il consigliere regionale Nino Savastano agli arresti domiciliari e il sindaco Vincenzo Napoli a finire tra gli indagati.

Interrogatorio Fiorenzo Zoccola, cosa ha detto il leader delle coop

Come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino, si indaga anche su una intercettazione tra lo stesso Zoccola ed Enzo Autuori. “Sono andato al Rione Petrosino perché c’era De Luca” sono le parole intercettate dagli inquirenti. Autori risponde: “Ci hai parlato?” . “No, mi ha detto tutto a posto e ha aggiunto: gli ho detto quello che devono fare… ha continuato dicendomi: poi ci vediamo la settimana prossima e parliamo ed io gli ho detto: al tuo buon cuore”.

Una chiamata registrata il 17 settembre del 2020, pochi giorni prima delle elezioni regionali che hanno confermato Vincenzo De Luca governatore della Campania.  Zoccola ha ammesso di aver parlato con il governatore tramite una lettera.

Cosa si sono detti Zoccola e De Luca

Nella chiacchierata tra i due, si sarebbe parlato delle perquisizioni della polizia giudiziaria scattate a giugno e della contropartita a fronte della promessa prestata, ovvero i voti. Il gip Romaniello scrive: “Contropartita che ancora una volta, Zoccola attribuisce alle direttive dello stesso governatore, narrando di aver manifestato apertamente le proprie esigenze in ordine all’affidamento delle commesse pubbliche del Comune di Salerno ed alla rimozione degli ostacoli derivanti dall’indagine in corso, con riguardo alla gara indetta con il Bando per l’affidamento biennale dei servizi di manutenzione ordinaria e conservativa”.

Articoli correlati

Back to top button