«La scuola “De Amicis” è agibile»: il paradosso battipagliese

BATTIPAGLIA. «La scuola “De Amicis” è assolutamente agibile. Tutto può crollare a Battipaglia, tranne questo edificio»: l’ha affermato poche ore fa il presidente della commissione straordinaria al Comune di Battipaglia, Gerlando Iorio. Senza che sia stata messa in atto alcuna manutenzione, l’edificio sarà aperto per alcuni eventi inseriti nel cartellone natalizio e di fine anno organizzato […]

BATTIPAGLIA. «La scuola “De Amicis” è assolutamente agibile. Tutto può crollare a Battipaglia, tranne questo edificio»: l’ha affermato poche ore fa il presidente della commissione straordinaria al Comune di Battipaglia, Gerlando Iorio. Senza che sia stata messa in atto alcuna manutenzione, l’edificio sarà aperto per alcuni eventi inseriti nel cartellone natalizio e di fine anno organizzato dall’ente.

L’ultima volta che i portoni della scuola elementare De Amicis si sono spalancati per accogliere i bambini di Battipaglia risale ad oltre 12 anni fa. Lo storico edificio, sopravvissuto al devastante terremoto del 1980, fu chiuso dal sindaco Alfredo Liguori dopo un altro sisma, quello di San Giuliano di Puglia del 2002, per timori sulla sua sicurezza strutturale.

Da allora, la scuola, situata nel cuore della città di Battipaglia, è rimasta chiusa. In passato sono stati spesi circa 50mila euro per un progetto tecnico di riqualificazione mai realizzato ed in ballo c’era il progetto di costruire dei parcheggi sotterranei e di abbattere in parte l’edificio per realizzare un piano futuristico.

TAG