Salerno Pulita, spazzino licenziato: scatta la rivolta

raffaele-fiorillo-dimissioni-salerno-pulita-lettera

Licenziamento Salerno Pulita, l'uomo potrebbe impugnare la decisione. L'ex dipendente infatti avrebbe maturato i requisiti pensionistici

Scatta la rivolta per il licenziamento di un dipendente di Salerno Pulita. Nei giorni scorsi, il nuovo amministratore unico Nicola Sardone ha firmato una lettera di licenziamento indirizzata a un dipendente del settore raccolta rifiuti che reo di non essere mai rientrato dalle ferie estive.

Licenziamento Salerno Pulita, la rivolta

Come scrive Carmen Incisivo sulle colonne de Il Mattino, il dipendente licenziato avrebbe ricevuto ieri l’altro la raccomandata contenente la lettera di licenziamento per giusta causa.

“Il provvedimento – si legge nella nota diramata ieri dall’azienda arriva a seguito di diverse contestazioni scritte al dipendente per assenze ingiustificate dal luogo di lavoro”.

Il retroscena

Secondo alcuni lavoratori e rappresentanti sindacali però si tratterebbe di un provvedimento annunciato in precedenza. Pare che il dipendente, in età pensionabile, non avesse fatto mistero della sua intenzione di non rientrare al lavoro dopo le vacanze estive. Nel frattempo infatti sarebbero maturati i requisiti per la pensione.

Ora bisogna capire se esitano o meno i presupposti per impugnare la decisione da parte dell’ormai ex lavoratore dell’azienda municipalizzata per la raccolta dei rifiuti.

TAG