Senza categoria

Lo spreco dei beni ed immobili inutilizzabili della Regione Campania

BATTIPAGLIA. Beni ed immobili di proprietà della Regione Campania sono presenti sul territorio per un valore complessivo di oltre 11 milioni di euro. Per la maggior parte, questi sono inutilizzati e rappresentano uno spreco di risorse pubbliche a livello regionale ed una inutile presenza per la città di Battipaglia. Tra questi beni figurano opifici, abitazioni, terreni, depositi, scuole e persino due chiese.

Non è solo il Comune di Battipaglia ad avere sul suo territorio decine di strutture, alcune delle quali inutilizzate, pur pagando a privati cittadini ed aziende esosi fitti per ospitare famiglie disagiate, parcheggi o strutture come il Centro per l’Impiego. Anche la Regione Campania si nutre di consumismo pubblico, lasciando inutilizzate, totalmente o in parte, strutture anche molto capienti pur pagando costose utenze.

Il caso più clamoroso riguarda sicuramente un immobile ubicato in via Belvedere di Battipaglia, che ospita un ufficio periferico della Ersac (ente regionale di sviluppo agricolo in Campania) e che, in gran parte, è inutilizzato. Il suo valore commerciale (stima 2012) è pari a 1.592.500 euro. Almeno stando a ciò che dichiarano ufficialmente gli uffici preposti alla Regione Campania.

A via Sant’Anna sorge un opificio di proprietà della Regione Campania, del valore di 3 milioni 700mila euro, ma sono presenti pure quattro abitazioni che, complessivamente, sono stimate intorno ai 370mila euro. A Belvedere, a pochi passi dal centro Ersac, c’è un altro grosso ufficio che vale circa un milione 300mila euro. Nello stesso quartiere periferico di Battipaglia è presente anche un’altra abitazione, sempre di proprietà della Regione Campania, del valore di 163mila euro.

Un’altra zona di Battipaglia che Palazzo Santa Lucia ha dimostrato di apprezzare particolarmente è viale della Libertà. Su tale strada sorgono ben sei depositi per un valore totale di 570mila euro e quattro abitazioni per 450mila euro. Il totale degli investimenti regionali fermi solo su viale della Libertà, dunque, supera il milione di euro.

Tra i rioni Aversana e Fasanara, inoltre, ci sono tre scuole, i cui edifici hanno un valore stimato di quasi 800mila euro, ma anche un deposito di 136mila euro, un’abitazione (stima non calcolata dalla Regione) e due chiese che, chiaramente, non hanno un valore quantificabile in denaro essendo luoghi di culto. In località Sant’Anna sorge un ennesimo deposito appartenente alla Regione, del valore di 257mila euro.

In merito all’utilizzo di tali immobili, la Regione Campania ha destinato all’uso solo una piccola parte della struttura che ospita l’Ersac, le scuole a Fasanara ed Aversana, le due chiese. Tutti gli altri immobili – dunque dieci abitazioni, un ufficio, un opificio, otto depositi – sarebbero inutilizzati, giacché non è presente alcun dato in merito tra i canoni che aziende privati o altri enti corrispondono alla Regione Campania per l’utilizzo dei suddetti immobili presenti a Battipaglia.

Articoli correlati

Back to top button