Cronaca

B&B a luci rosse e stanze dell’amore, scoperto giro del sesso nella Napoli “bene”

La Polizia Municipale di Napoli ha effettuato una vasta operazione a contrasto delle truffe in danno dei turisti ospiti in città di strutture ricettive non alberghiere (bed breakfast).

Diverse le segnalazioni relative a strutture adibite a doppio uso ossia come alloggi per turisti e come alcove per incontri di sesso a pagamento.

Gli agenti dell’ Unità Operativa Chiaia hanno effettuato controlli in 12 strutture tra bed breakfast e case vacanze che dal monitoraggio dei siti di prenotazione online destavano sospetti.

Infatti dalle  verifiche incrociate sulle pagine internet delle pubblicità di strutture per turisti e di siti di incontri a scopo sessuale emergeva che gli indirizzi e le utenze telefoniche erano in diversi casi gli stessi.

Come avvenivano gli affari

Essendo la struttura occupata al momento da turisti, conduceva il “ cliente” in un piccolo appartamento nelle vicinanze. Preso in fitto tramite un uomo napoletano che si occupava di gestire gli affari della donna.

Il soggetto è stato denunciato alla Procura della Repubblica per favoreggiamento della prostituzione ed il proprietario della casa informato di quanto accadeva.

Nel corso delle verifiche si è sottoposto a controllo un altro affittacamere in viale Gramsci dove è stata sorpresa ad esercitare l’attività di prostituzione.

Una donna brasiliana che pagava 80 euro al giorno al titolare della struttura per utilizzare una camera con i clienti.

CONTINUA A LEGGERE

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button