Cronaca

M5S (Cammarano): "La Campania continua a bruciare"

Continua l’emergenza incendi in Campania. Il fronte del fuoco continua a flagellare nuovi roghi nell’Oasi degli Astroni, già pesantemente colpita dagli incendi innescati a più riprese a fine luglio, a Cigliano e sulla dorsale Pianura Chiaiano. All’interno dell’oasi del WWF si sono riavviati due incendi, che sembravano ormai domati, in zona Rotondella e sul versante di località Sperone.

A denunciare tutto questo è Michele Cammarano Consigliere Regionale del MoVimento 5 Stelle: resta pesante la situazione anche nel Salernitano, ad Amalfi e a Cava dè Tirreni, dove stanno operando elicotteri della Protezione civile regionale. “Oramai non riusciamo neanche più a stare dietro all’infinità di roghi che nelle ultime settimane si stanno sviluppando sulle colline della Costa d’Amalfi”. Nuove colonne di fumo i levano dai Monti Lattari, in località Passo, nel territorio di Ravello, poco distante dalla Strada Provinciale 1.A bruciare la vegetazione secca oramai a causa della siccità che perdura da tre mesi.

A Tramonti, a preoccupare maggiormente, è il vasto incendio di Monte Sant’Angelo che si è esteso anche al versante di Cava de’ Tirreni, minacciando finanche alcune abitazioni della città metelliana. Ribadiamo – continua Cammarano- che alle Regioni, per legge, prioritariamente spetta la tutela del patrimonio boschivo e la lotta attiva contro gli incendi boschivi, nei mesi scorsi, abbiamo denunciato invano e ripetutamente che i fondi destinati alla convenzione antincendi boschivi che la Regione Campania stava stipulando con i Vigili del fuoco fossero del tutto insufficienti ed inadeguati. Indipendentemente dal fatto che, poi, ci si è ritrovati a fare i conti con una stagione estiva particolarmente torrida e avara di precipitazioni.

E’ semplicemente assurdo pensare che una sola squadra di Vigili del Fuoco per provincia- conclude Cammarano- potesse essere sufficiente a raggiungere lo scopo. “Tutto brucia come da programma, insomma”.



 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button