Escursionista morto in Cilento, parla la madre: “Io avvisata tardi. Avevamo la mappa, poteva essere trovato”

turista-francese-morto-cilento-veglia-preghiera-simon-gautier

Parla la madre dell'escursionista francese morto in Cilento: "Voglio ricordarlo com’era. Vitale, intelligente e felice, un ragazzo meraviglioso"

Spuntano altri dettagli sulla vicenda dell’escursionista francese morto in Cilento. Dettagli che arrivano da Delphine Godard, la madre di Simon Gautier.

Parla la madre dell’escursionista francese 

“Voglio credere che le ipotesi dei medici siano giuste e che Simon sia morto subito dopo aver chiamato i soccorsi. L’idea di saperlo ferito, spaventato e solo in fondo a quel crepaccio mi fa impazzire…

Io ho sperato fino all’ultimo. Una mamma non può mai arrendersi all’idea che suo figlio sia morto. Quando mi hanno detto che lo avevano trovato sono rimasta lì senza dire una parola. Ero pietrificata. Mi faceva male anche il solo pensiero che Simon avesse passato ore, o peggio ancora giorni interi, immobile e sofferente, con le gambe spezzate, sotto questo sole che cuoce tutto. Quando i medici hanno parlato di incoscienza, di coma, quando ci hanno spiegato che quasi certamente è morto poco dopo la chiamata al 118, ho tirato un sospiro di sollievo. Un’amara consolazione, lo so, ma così ho potuto immaginare che non abbia sofferto a lungo”.

“Lo aspetto a casa”

“Lo aspetto a casa, in Francia. Voglio ricordarlo com’era. Vitale, intelligente, felice. Mi creda: era un ragazzo meraviglioso”.

TAG