Senza categoria

Maltempo, Altavilla Silentina chiede lo stato di calamità naturale

ALTAVILLA SILENTINA. Il maltempo dello scorso mese di gennaio ha messo in ginocchio Altavilla Silentina che ora chiede lo stato di calamità naturale per i danni causati dalle violenti piogge e raffiche di vento.

La richiesta scaturisce dal fatto che “l’intero territorio comunale, come gran parte della provincia salernitana, è stato interessato da abbondanti e persistenti precipitazioni di carattere eccezionale, che hanno provocato il riversamento, nelle zone adiacenti, di impluvi, collettori, canali e corsi d’acqua naturali e artificiali, interessando fabbricati e pertinenze agricole e causando smottamenti e principi di frana nelle scarpate ed erosioni delle sponde dei corsi d’acqua”, come dichiara il sindaco Marra.

Il fenomeno meteorologico ha praticamente messo in crisi il sistema fognario e di raccolta delle acque meteoriche, con rischi maggiori nelle aree più depresse, nonostante il Comune di Altavilla Silentina abbia proceduto, nell’immediatezza dei fatti, a ripulire le strade del territorio comunale e ripristinare i canali e i collettori interessati dagli eventi atmosferici. L

e zone più colpite sono stati i territori vicini a corsi d’acqua, valloni e fossi di raccolta acque, in particolare le contrade Borgo Carillia, Padula, Castelluccio, Molino Vecchio, Ponte Calore, Palata e Cerrocupo, interessate dall’esondazione del fiume Calore.

Il Comune, retto dal sindaco Antonio Marra, ha pertanto ritenuto opportuno inviare la richiesta di riconoscimento di calamità naturale agli organi istituzionali preposti, tra cui il Ministero degli Interni, la Regione Campania e la Prefettura di Salerno.

Articoli correlati

Back to top button