Cronaca

Il maltempo crea già i primi disagi: auto resta bloccata nell’acqua

La Campania si sveglia nella morsa del maltempo, creati già i primi disagi nel Cilento: un’auto è rimasta bloccata a causa della piogge incessante verificatasi già dalle prime ore dell’alba di oggi, martedì 2 maggio. Allagamenti e piccole frane su tutto il territorio. Lo riporta Info Cilento.

Maltempo in Campania, già i primi disagi nel Cilento: auto resta bloccata nell’acqua

Le piogge incessanti verificatesi sin dalle prime ore dell’alba stanno già creando dei disagi sul territorio cilentano. La situazione più critica si registra nella Valle dell’Alento: sono diverse le strade allagate o invase da pietre e detriti. Ad Ascea è a rischio allagamenti il ponte della ferrovia in località Fiumarella. Critiche le condizioni anche sul rettilineo che conduce a Casal Velino e sulla Salicuneta, tra Pattano e Vallo Scalo. Lungo la provinciale tra Ascea a Pigiotta invece, le piogge hanno allagato il ponte dove un’auto è rimasta intrappolata nell’acqua. Necessario l’intervento delle autorità comunali e provinciali per garantire la sicurezza.

Non sono mancati problemi anche alle strutture private. A Caprioli una voragine si è aperta nel parcheggio di un villaggio turistico. Infine, a Castellabate è esondato il vallone Malevarco in Santa Maria.

L’appello del sindaco di Pisciotta

Il Comune di Pisciotta ha emanato un’ordinanza in cui si invita i residenti a non uscire di casa se non strettamente necessario perché si prevedono nubifragi e possibili esondazioni.

L’allerta meteo

La Protezione Civile della Regione Campania ha prorogato la vigente allerta meteo per piogge e temporali già in vigore su tutta la Campania fino alle 20 di domani, martedì 2 maggio. Il livello di criticità, ossia del rischio idrogeologico per temporali è Giallo su tutto il territorio per “precipitazioni locali o sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, puntualmente di moderata intensità”.

I fenomeni temporaleschi saranno caratterizzati da incertezza previsionale e rapidità di evoluzione e potrebbero essere accompagnati da grandine, fulmini e raffiche di vento. Le precipitazioni, in alcuni punti del territorio quindi saranno repentine e intense e potrebbero causare caduta di rami o alberi e danni alle coperture e alle strutture provvisorie.

L’impatto al suolo delle precipitazioni fa prevedere un rischio idrogeologico per temporali di livello Giallo e potrebbe causare allagamenti di locali interrati e posti al pian terreno, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua con inondazioni delle aree limitrofe, ruscellamenti, scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali e fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse.

Si evidenzia anche il rischio di caduta massi e occasionali fenomeni franosi connessi a condizioni idrogeologiche del territorio particolarmente fragili.ù

Alessia Benincasa

Alessia Benincasa, giornalista del network L'Occhio, è esperta in cronaca nera, politica e inchieste.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio