Cronaca

Mazzette per svolgere lavori “in tranquillità”: arrestati due funzionari di Nocera del Genio Civile

Mazzette per svolgere i lavori di messa in sicurezza del fiume Lambro “in tranquillità”. In manette due funzionari del Genio Civile

Mazzette per svolgere i lavori di messa in sicurezza del fiume Lambro “in tranquillità”. Ieri pomeriggio sono stati arrestati in flagranza di reato, mentre intascavano il denaro dal titolare di una ditta di Palinuro due funzionari del Genio Civile. Si tratta del 64enne Giancarlo Giordano e l’ex funzionario Vittorio Bartoli, anch’esso di Nocera.

Funzionari di Nocera del Genio Civile arrestati

È stato il titolare di una ditta di Palinuro ad avvisare i carabinieri che hanno ascoltato “in diretta” lo scambio. I militari, infatti, avevano preparato la trappola con un microfono nascosto e i numeri di banconote segnati. La mazzetta doveva servire per chiudere un occhio, per permettere alla ditta di prelevare un quantitativo di materiale sabbioso dal letto del fiume maggiore rispetto a quello dichiarato.

I due arrestati erano assolutamente insospettabili, Giordano è anche consigliere comunale del Pd a Nocera.

Il blitz

I carabinieri sono sbucati all’improvviso e li hanno bloccati mentre tentavano di disfarsi del denaro dal finestrino della propria autovettura. “Non abbiamo fatto niente, vi state sbagliando…” hanno tentato inizialmente di giustificarsi, poi sono stati costretti a consegnarsi nelle mani dei militari che li hanno portati in caserma. I due geometri, dopo gli accertamenti di rito, su disposizione del procuratore capo Antonio Ricci e del sostituto procuratore Luigi Spedalieri, che hanno coordinato le indagini, sono stati trasportati presso le rispettive abitazioni agli arresti domiciliari, in attesa del processo. L’accusa è di concussione in concorso. Il denaro è stato invece restituito all’imprenditore, un uomo del posto che avuto la forza di denunciare i funzionari infedeli ai carabinieri.

Fonte: La Repubblica

Articoli correlati

Back to top button