Cronaca

Medico 91enne vittima di branco di ragazzini, arriva la denuncia

SALERNO. Medico di Salerno rischia la vita perché  vittima della bravata di un branco di ragazzini.

Prima lo hanno colpito con i pallini di una cerbottana, poi, incuranti dell’età e dell’invalidità, lo hanno spinto per terra, ridendo di quella “bravata” che avrebbe potuto perfino costargli la vita.

A finire nel mirino di un branco di ragazzini è stato il signor Arturo Amendolara, novantuno anni, storico medico e pilastro di quella piazza Sant’Agostino trasformata, negli ultimi anni, in un campo di calcio e in un parcheggio abusivo a cielo aperto.

«Venerdì 20 mi trovavo con mia moglie Rosellina e una nostra familiare in piazza – racconta – Erano le 19 e ci stavamo recando all’appuntamento con mia figlia che era venuta a prenderci per accompagnarci a casa sua, nella zona orientale.

Mentre stavamo attraversando, un ragazzino che avrà avuto al massimo dodici o tredici anni, senza che nessuno di noi avesse detto o fatto qualcosa, mi ha colpito con il pallino di una cerbottana in prossimità dell’occhio sinistro».

Il medico si ferma interdetto, nonostante si accompagni con un bastone è pronto a reagire, ma non fa neppure in tempo a rendersi conto dell’accaduto che altri ragazzini che abitualmente sostano in piazza per giocare a pallone, lo spingono a terra.

«Ho fatto un balzo in avanti e non sono riuscito ad attutire la caduta con le mani, quindi sono caduto a peso morto, battendo il naso, la fronte, le labbra».

Uno choc: «Quando ci siamo girate l’abbiamo trovato in una pozza di sangue, pensavamo fosse morto – ricorda la moglie – Ho avuto una enorme paura».

La figlia accorre, secondo quanto riporta La Città, allerta il servizio di emergenza 118 e un’ambulanza provvede ad accompagnare il novantunenne al pronto soccorso del Ruggi, dove viene sottoposto a tutti gli accertamenti diagnostici: la prognosi è di quindici giorni per contusioni, ecchimosi e la frattura del setto nasale.

«Era un mostro – sottolinea la signora Rosellina – Per giorni ha avuto il volto deformato, tutto livido e gonfio».

Il medico, fortunatamente, non ha battuto la testa, «e neppure la mandibola, perché da medico so benissimo le sofferenze atroci a cui si va incontro in questi casi», ma il terrore è stato forte, come pure la rabbia.

Dalla rabbia del medico alla denuncia in questura per l’aggressione subita

Per questo ha deciso di sporgere denuncia in questura, «nella speranza che si possa intervenire per bloccare questo allenamento di una prossima generazione di galantuomini, che non si sono fatti problemi ad aggredire un anziano che cammina con un bastone». Tra l’altro senza che nessuno li avesse redarguiti o provocati.

«Credono di essere i padroni della piazza – spiegano i coniugi – Basta chiedere a chiunque abiti in zona o gestisca una attività commerciale. Ogni giorno si piazzano qui e usano i portoni come porte per i goal, rendendo pericoloso l’ingresso e l’uscita. Tant’è che anche un’altra inquilina del palazzo è stata colpita sulle gambe da una pallonata».

In verità non è una prerogativa di piazza Sant’Agostino: negli anni scorsi commercianti e residenti di piazza Flavio Gioia avevano anche avviato una petizione per chiedere al Comune di vietare i palloni in quell’area. Ma non è un problema di autorizzazioni, quanto di civiltà. «Sono fermamente convinto del fatto che occorra maggiore attenzione.

«Le telecamere di videosorveglianza sono indispensabili. Non si capisce perché la nostra amministrazione spenda milioni di euro per lo show delle Luci d’artista, se poi non riesce a garantire la sicurezza dei suoi cittadini – incalza il medico – Non pretendiamo di avere un vigile dedicato, perché sappiamo che sarebbe impossibile, ma un occhio elettronico che funga da deterrente è indispensabile, visto che non è la prima volta che si verificano queste bravate immotivate che potrebbero avere conseguenze molto più gravi».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto