Mercato San Severino, catturava e maltrattava cardellini: uccellatore nei guai

MERCATO SAN SEVERINO. È terminata da poche ore l’operazione coordinata dall’Enpa di Salerno, con i volontari del Cabs e i carabinieri di Mercato San Severino, che attraverso appostamenti e foto, ha permesso di individuare un uccellatore che catturava animali di avifauna protetta. La postazione per l’uccellagione era situata in un fondo agricolo e costituita da un […]

MERCATO SAN SEVERINO. È terminata da poche ore l’operazione coordinata dall’Enpa di Salerno, con i volontari del Cabs e i carabinieri di Mercato San Severino, che attraverso appostamenti e foto, ha permesso di individuare un uccellatore che catturava animali di avifauna protetta.

La postazione per l’uccellagione era situata in un fondo agricolo e costituita da un nascondiglio creato con arbusti e foglie raccolti sul posto ed una rete che si azionava mediante alcune corde. Come esca vi erano piante di senecio, di ortica e sementi abilmente collocati nell’area del raggio d’azione della rete.

Come racconta il portale SalernoToday, L’uomo era nascosto e stava aspettando l’arrivo degli animali per poterli catturare. Ma è stato interrotto dall’arrivo degli agenti che, dopo aver sequestrato il materiale presente sul posto e distrutto la postazione, hanno provveduto a prelevare circa 40 esemplari di fauna particolarmente protetta tra cui cardellini, verzellini e fanelli ed inoltre tre reti da uccellagione di varie misure. Alcuni uccelli risultavano imbragati con dello spago per essere usati come zimbello durante per la cattura dei loro simili.

I controlli hanno mostrato che era presente un altro punto di detenzione illecita di fauna, di un secondo soggetto. Gli animali sono risultati sprovvisti di anelli o segni identificativi che ne attestassero la lecita provenienza e sono quindi stati sequestrati.

Si tratta di circa 10 esemplari di cardellino e verzellino. Purtroppo  uno dei cardellini è  stato trovato privo di vita: questa pratica crudele consiste nell’inserire aghi roventi negli occhi degli uccelli al fine di farli cantare più a lungo.

Gli animali di recente cattura sono stati liberati mentre gli altri riceveranno cure di riabilitazione presso il Cras di Napoli e saranno successivamente liberati. Rocco Caiazza, guardia dell’Enpa, commenta così: «La liberazione della fauna resta la parte più emozionante questo ci spinge a cercare e denunciare questi crimini contro natura».

 

TAG