Meteo a Salerno: primo novembre, festa Santi rovinata da pioggia

Primo novembre a rischio pioggia a Salerno. Al momento, il meteo.it, segnala precipitazioni sulla città giovedì primo novembre già dal mattino

Primo novembre a rischio pioggia a Salerno. Al momento, il meteo.it, segnala precipitazioni sulla città giovedì primo novembre già dalle prime ore del mattino.

Per mercoledì 31 ottobre è nuovamente prevista pioggia, soprattutto al Nord, dopo la giornata di martedì con tempo relativamente buono nella maggior parte dell’Italia.

Le piogge non saranno dappertutto intense come quelle nel fine settimana, che hanno causato frane, incidenti, allagamenti e diversi morti, ma in alcuni casi saranno comunque persistenti per buona parte della giornata.

Al Nord le piogge inizieranno nel primo mattino, con temporali diffusi sulla regioni occidentali e su parte dell’Emilia-Romagna. Nel pomeriggio si estenderanno in Lombardia e saranno presenti anche in parte del Trentino-Alto Adige. Nel pomeriggio l’intensità delle piogge aumenterà gradualmente soprattutto su Piemonte e Liguria, mentre in Valle d’Aosta non sono escluse nevicate sui rilievi sopra i 1.500 metri.

Al Centro il cielo sarà sereno o poco nuvoloso, ma su regioni tirreniche e sull’Umbria potrebbero esserci deboli piogge. Sulla Sardegna la nuvolosità sarà più sostenuta e non si escludono temporali, che in serata potranno anche interessare parte della costa in Toscana e nel Lazio.

Al Sud il cielo sarà per lo più soleggiato al mattino, ma con un progressivo aumento della nuvolosità nelle ore centrali del giorno. Sono previste deboli piogge sulla Calabria e verso sera su Campania e parte della Puglia. In Sicilia il cielo sarà nuvoloso e ci potranno essere temporali, intensi soprattutto nella parte meridionale dell’isola.

Le temperature minime si abbasseranno lievemente in Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia-Romagna, Marche, Abruzzo, Campania e nelle regioni ioniche, mentre saranno in contenuto rialzo nel Piemonte settentrionale, in Liguria, Sardegna e sulla Sicilia tirrenica. Le massime sono date in diminuzione nel Piemonte centromeridionale e nella Pianura padano-veneta, mentre saranno in aumento nel resto dell’Italia.

TAG