Cronaca

Militare di Angri suicida a Roma, il sindaco Ferraioli: “piangiamo la morte di un figlio”

ANGRI. “Piangiamo la morte di un figlio della nostra terra. In un momento di dolore così immenso sono vicino ai genitori, ai parenti e agli amici. Una giovane vita vola via lasciando un vuoto incolmabile”.

Sono le parole di cordoglio del sindaco di Angri, Cosimo Ferraioli, per la morte di Enrico De Mattia, caporal maggiore dell’Esercito, di Angri, che si è tolto la vita a Palazzo Grazioli (Roma).

La morte di Enrico De Mattia

Tragedia a Palazzo Grazioli. Il caporal maggiore Enrico De Mattia, inquadrato nell’operazione Strade Sicure, si è tolto la vita ieri nella residenza romana di Silvio Berlusconi.

La notizia è stata confermata in ambienti militari durante il turno pomeridiano, intorno alle 15, il giovane – originario di Angri e proveniente dal 1° Reggimento Granatieri di Sardegna– sarebbe entrato in un bagno del palazzo portando con se la pistola d’ordinanza e si sarebbe sparato in testa.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button