Minorenne detenuto tenta tre volte il suicidio: affidato a una comunità

Tribunale minorenni-2

Era detenuto in un carcere minorile e ha tentato tre volte il suicidio. Il minorenne è stato affidato a una comunità: lo ha disposto il Tribunale

SALERNO. Era detenuto in un carcere minorile e ha tentato tre volte il suicidio. Il minorenne è stato ora affidato a una comunità.

Affidato a una comunità il minorenne detenuto che aveva tentato tre volte il suicidio

Una storia particolare, trattata dal Tribunale per i Minorenni di Salerno. Un 15enne era detenuto in un istituto di pena minorile, con vari procedimenti a suo carico. Fragile psicologicamente, il ragazzo aveva tentato più volte di togliersi la vita, al punto che lo stesso Tribunale, su istanza degli avvocati, ne ha disposto l’affidamento a una comunità.

La storia è raccontata dal quotidiano Il Mattino. Una perizia ha evidenziato i problemi del ragazzo, che da oggi potrà essere seguito e sostenuto vivendo in una comunità, con la possibilità di studiare per conseguire la licenza media.

Il ragazzo, che non ha mai conosciuto il padre, era stato “pizzicato” varie volte a rubare. Finito inizialmente in comunità, era scappato e per questo, una volta rintracciato, era stato rinchiuso nel carcere di Nisida. Due tentativi di suicidio, poi finisce nel mirino per aver denunciato la presenza di droga e telefonini nell’istituto minorile: il rischio di subire ritorsioni porta al trasferimento prima nel carcere minorile di Airola, poi in una comunità a Torre Annunziata.

Un nuovo furto dopo un litigio durante una vacanza al mare e il nuovo arresto, con il trasferimento al carcere di Bari, dove il 15enne tenta di nuovo di togliersi la vita. Ora una nuova svolta, si spera definitivamente positiva.

TAG