Politica

Battipaglia, Mirra alla Francese: “Basta con questa telenovela”

BATTIPAGLIA. Il consigliere comunale Pd di Battipaglia, Egidio Mirra, interviene sulla situazione di caos che sta vivendo l’amministrazione comunale di Battipaglia, guidata dal sindaco Cecilia Francese, e chiede una verifica della maggioranza.

Questo quanto dichiara Egidio Mirra in una nota stampa di recente pubblicazione: “Basta con questa telenovela: La città vuole governo e stabilità.

La mancanza di stimoli, cattiva amministrazione, mancanza di ascolto dei reali problemi della città.

Ancora, governo in mano a persone estranee all’amministrazione, ricatti, argomentazioni surreali.

Basta così.

Sono alcune tra le accuse fuoriuscite dalla conferenza stampa di addio dell’ex assessore Provenza.

Ancora cinque minuti e potevamo assistere a un meaculpa su quello che era stato il risultato delle amministrative dell’anno scorso.

È chiaro che non si può continuare in questo modo, dove davanti agli enormi problemi della città si fanno fronte con accuse che ci porteranno non oltre a discussioni, queste sì, surreali.

L’amministrazione Francese è minoranza in consiglio comunale? Venga in consiglio e verifichi la sua maggioranza.

Con queste premesse non si possono affrontare le emergenze (questione Ambientale) che ci attendono nei prossimi mesi.

Il Pd chiede,pertanto,alla Sindaca di verificare in tempi brevi la sussistenza della maggioranza, che l’ha eletta, con un passaggio in consiglio che faccia assumere la
responsabilità di governare la città a chi si è candidato sostenendola.

In caso contrario venga in consiglio a verificare, su un programma di fine mandato, la possibilità di rilanciare il governo della città, con chi è disponibile ad assumere impegni sulle cose da fare (Ambiente, AlbaNuova, Risanamento finanziario, PUC, ASI).

Sono stati sprecati mesi senza mettere mano a nessun urgenza.

Il Pd, non rinunciando ad essere alternativo, ci mancherebbe, ritiene necessario riconsiderare la compagine di governo; solo una maggioranza di pensiero, non di numeri ballerini, o d’incarichi in giunta,può tirarci fuori da questo immobilismo…”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button