Senza categoria

Morì alla stazione di Capaccio, dona la vista ad un bambino

CAPACCIO-PAESTUM. Grazie a lui un bambino ha riacquistato la vista.

M.D.A., 53 anni residente alla Licinella, è morto lo scorso 26 gennaio a seguito dei traumi che aveva riportato cadendo da un treno ancora in movimento. Aveva autorizzato l’espianto degli organi presso il Centro Traumatologico Ortopedico di Napoli.

Ora grazie al trapianto di cornee, il cui donatore è proprio M.D.A., il bambino di 9 anni ha riacquistato la vista.

La tragica scoperta nei pressi dei binari

L’uomo, un impiegato della società di navigazione Tirrenia, fu trovato riverso in una pozza di sangue nella notte dello scorso 18 gennaio, lungo i binari della stazione di Capaccio-Roccadaspide. La dinamica dell’incidente è ancora in via di accertamento. Poco chiari i motivi della caduta dell’uomo: si è ipotizzato che fosse caduto scendendo dal treno ancora in corsa, forse perché aveva perso la fermata.

Un tragico incidente dunque e non un suicidio. Soprattutto niente che avesse a che vedere col passato dell’uomo che, ci tengono a precisare i familiari, era un buono e onesto padre di famiglia, che non avrebbe mai commesso reati di alcun tipo, contrariamente a quanto inizialmente si è detto. A questo proposito l’uomo sarebbe stato scambiato con un omonimo residente a Napoli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button