Inchiesta

Morì con i gemellini in grembo: condannato ginecologo

SCAFATI. Successe sette anni fa: Maria Rosaria Ferraioli, giovane donna di Angri aveva 25 anni e due gemellini in grembo ma morì all’ospedale di Scafati insieme ai due piccoli che aspettava. Adesso arriva finalmente la sentenza. Il giudice Raffaella Caccavale del tribunale di Nocera Inferiore ha condannato ad 1 anno e 6 mesi di reclusione V. C., il ginecologo dell’ospedale scafatese.

Morì con i gemellini in grembo: condannato ginecologo

Secondo il giudice, l’uomo è l’unico responsabile dell’accaduto, mentre gli altri medici coinvolti sono stati tutti assolti perché il fatto non sussiste. Rispondevano tutti di aborto colposo in concorso.

Maria Rosaria morì il giorno di pasquetta del 2011 insieme ai gemelli che aveva in grembo per le conseguenze di un ascesso divenuto fatale, una infezione non seguita.

La donna fu visitata dal suo ginecologo di fiducia per un ascesso alla radice della coscia destra ma invece di un antibiotico le fu data una pomata. Dopo due giorni, con i dolori che aumentavano, Maria Rosaria si recò al pronto soccorso di Scafati.

Qui fu portata dal ginecologo, ora condannato, che secondo le accuse valutò quell’ascesso come un problema da risolvere chirurgicamente. L’uomo però non eseguì alcun tipo di controllo sui gemellini. La donna fu così operata chirurgicamente con un’incisione e successivo drenaggio.

La situazione precipitò nella notte, quando Maria Rosaria fu colta da uno shock settico. Il taglio cesareo che fu tuttavia praticato dai medici, non sortì effetto. La giovane madre morì insieme ai suoi due gemelli. Il ginecologo dell’ospedale Scarlato è stato condannato per omicidio colposo.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button