Cronaca

Morta per febbre all’ospedale di Salerno: si attende l’autopsia per le cause del decesso

Sarà l’autopsia a chiarire tutto sulle cause del decesso della ragazzina di 12 anni morta per una forte febbre all’ospedale Ruggi di Salerno.

L’autopsia per fare luce sulla morte di Francesca

La febbre alta che da un paio di giorni non le dava tregua, poi la corsa in ospedale e la tragedia. Sarà l’esame autoptico a stabilire le cause alla base della morte di Francesca Raiola.

La dodicenne è spirata nell’ospedale di via San Leonardo dove era stata ricoverata dopo il ricorso al pronto soccorso da parte dei genitori. In un primo momento, i familiari della piccola avevano fissato anche la data dei funerali, in programma per ieri alle ore 17.

Data che è stata fatta slittare per consentire gli accertamenti necroscopici sulla salma della piccola. Cosa abbia fatto fermare per sempre il cuore di Francesca resta un mistero, almeno per il momento. Prima la febbre alta che da qualche giorno non si abbassava, poi il malore improvviso che ha indotto i genitori a ritenere indispensabile il ricorso ai medici del Ruggi. Con il trascorrere del tempo la situazione è precipitata fino a sfociare in una immane tragedia. Inutili i tentativi di rianimare la piccola Francesca.

Sono stati i medici della Pediatria a comunicare il decesso all’autorità giudiziaria in quanto non sussistevano cause evidenti attribuibili a giustificazione dell’exitus. Nessuna denuncia era stata presentata dalla famiglia della bimba.La notizia della morte di Francesca Raiola si è immediatamente diffusa nella frazione di Matierno dove la piccola viveva con i genitori ed il fratellino.

Una notizia che ha lasciato senza parole tutti i residenti. Sul decesso della piccolina è stata aperto un fascicolo da parte della magistratura che ha disposto anche l’esame autoptico per capire cosa sia accaduto. Nelle prossime ore sarà effettuato l’esame autoptico presso l’obitorio dell’ospedale “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” di Salerno.

I soci della Cooperativa Giovamente sono vicini alla famiglia Raiola, per la scomparsa della piccola Francesca, “una bambina sorridente pronta ad aiutare gli altri, dolce e gentile, educata con tanti sogni da realizzare” così la ricordano gli educatori del Progetto “Ho fame d’affetto” di Matierno.

Questo uno dei tanti messaggi di cordoglio fatti giungere alla famiglia della piccola Francesca Raiola. “Adesso sarà un bellissimo angelo che continuerà a proteggere e guidare il piccolo fratellino e la sua famiglia”. Centinaia i messaggi fatti pervenire alla mamma Monica De Martino al papà Michele ed al fratellino. Solo fino a qualche giorno fa l’adolescente godeva felice delle vacanze estive inieme ai suoi cari prima della ripresa degli studi.


Pina Ferro da Cronache

Articoli correlati

Back to top button