Morte di Iolanda, i giudici: «La piccola fu soffocata dal padre con un cuscino»

omicidio-iolanda-chiesto-processo-genitori

La piccola Iolanda fu uccisa e soffocata dal padre, Giuseppe Passariello, con un cuscino per placare il suo ennesimo pianto notturno. Lo scrivono i giudici

La piccola Iolanda fu uccisa e soffocata dal padre, Giuseppe Passariello, con un cuscino per placare il suo ennesimo pianto notturno. Lo scrivono i giudici del Tribunale del Riesame di Salerno, che hanno così motivato la conferma del carcere per il 37enne di Pagani, indagato per maltrattamenti e omicidio aggravato.

Morte della piccola Iolanda, i dettagli

La prova si ottiene osservando il corpo martoriato della bimba, che ha subito lesioni e sevizie inaudite per diversi giorni. E con la tacita connivenza della madre, che non si è mai preoccupata di chiamare aiuto, di chiedere l’intervento di familiari per porre fine a tali angherie».

I giudici si spostano nel loro ragionamento al 6 giugno scorso, dopo la visita della piccola al Santobono di Napoli: «Iolanda aveva malformazioni congenite alle braccia e alle gambe. Sarebbe dovuta tornare il 24 giugno.

Questo portò Passariello, dopo un probabile ennesimo pianto della bimba, a mettervi il cuscino sul viso, per farla zittire provocandone la morte per soffocamento».

Il cuscino era sporco «di sostanze varie presenti sul viso della bambina e riversate dalla bocca o dal naso. Questo è indicativo del fatto che il cuscino sia stato premuto sul viso della piccola».

TAG