Cronaca

Morte di Maria Rosaria Santese, 47enne di Battipaglia accusato di omicidio

Con l’accusa di omicidio stradale è stata rinviata a giudizio la 47enne che il 19 maggio del 2017 investì, causandone la morte, Maria Rosaria Santese, figlia 19enne dell’imprenditore battipagliese Renato Santese.

La morte di Maria Rosaria Santese

La famiglia Santese è rappresentata dall’avvocato Michele Tedesco. Il rinvio a giudizio è stato disposto ieri dal giudice per le udienze preliminari. La giovane a bordo della sua vespa 125, stava percorrendo via Cupa Filette, quando impattò frontalmente una Tiguan Wolkswagen.

L’accusa di omicidio stradale

Secondo l’impianto accusatorio il decesso della giovane non sarebbe da attribuire all’impatto con il veicolo o alla successiva caduta sull’asfalto. Il cuore della 19enne si sarebbe fermato dopo che la vettura l’avrebbe trascinata per alcuni metri: Maria Rosaria è morta per dissanguamento a seguito dell’amputazione di una gamba. Quel giorno la giovane si stava recando a casa di un’amica dove avrebbe trascorso alcune ore di relax concedendosi un bagno in piscina

I soccorsi

La curva e poi quell’impatto che non ha lasciato scampo alla giovanissima. Il medico legale giunto sul posto non poté far altro che constatare il decesso. Ad allertare i soccorsi fu la donna alla guida della Volkswagen

Articoli correlati

Back to top button