Cronaca

Morte sospetta a Castelcivita: indagati cinque medici degli ospedali di Eboli e Roccadaspide

Morte sospetta a Castelcivita: cinque medici degli ospedali di Eboli e Roccadaspide sono indagati per il decesso del 67enne Vito Mastascusa.

Morte sospetta a Castelcivita: le indagini

Si allarga l’inchiesta legata alla morte di Vito Mastascusa, il 67enne morto in maniera sospetta a Castelcivita, circa dieci giorni fa: sul registro degli indagati finiscono ben cinque medici degli ospedali di Eboli e Roccadaspide. A riportare i fatti è il quotidiano “Il Mattino”.

Il sostituto procuratore Mafalda Cioncada ha inoltre disposto l’autopsia sulla salma dell’uomo, il quale si era disposto a diverse visite ospedaliere dal punto di vista diagnostico, terapeutico, profilattico ed assistenziale. Agli inquirenti spetta ora il compito di verificare se tali visite furono svolte in maniera regolare o se ci furono malpratiche cliniche.

Gli indagati: ecco i nomi dei medici

Nel registro degli indagati sono finiti:

  • Vincenzo Barlotti,
  • Gian Luigi Gatti,
  • Lino Liguori
  • Antonio Passaro
  • Lorenzo Zerrillo

Il decesso

Vito Mastascusa p morto il 25 settembre 2019. Era stato per dei controlli prima all’ospedale di Roccadaspide e poi in quello di Eboli dove rivelò ai medici di essere febbricitante e dolorante. Morirà, poi, a casa ed è a quel punto che il medico curante non ha voluto firmare il certificato di morte ritenendo poco chiare le cause del decesso.

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto