Curiosità

Navigare in rete, rischi sicurezza: i settori più esposti

La maggior parte di noi fa affidamento su internet per godersi i social media, l'istruzione online, lavoro a distanza ed intrattenimento

Navigare in rete è un qualcosa di ormai imprescindibile in tutti i campi della vita quotidiana: intrattenimento, informazione, comunicazione, produttività, tutto si sposta ormai in un contest multimediale favorendo la semplicità di approccio e la rapidità.

Ma dato che, come recita un adagio, quell che riluce non è mai solo oro, il mondo di internet è anche un coacervo di complessità all’interno del quale si possono trovare pericolic di ogni genere. Esistono siti dannosi, annunci falsi e truffatori che agiscono in modo fraudolento allo scopo di infettare altri pc con malware oppure ottenere l’accesso ad informazioni sensibili e personali.

Alcuni settori sono maggiormente colpiti rispetto ad altri: si parla in particolare di quei comparti dove girano molti soldi e dove è prevista la registrazione degli utenti con anneso inserimento di un sistema di pagamento.

I settore più a rischio

La maggior parte di noi fa molto affidamento su internet per godersi i social media, l’istruzione online, il lavoro a distanza e ogni tipo di intrattenimento. Ma un uso diffuso non equivale a una sicurezza diffusa.

I settori più a rischio quando si parla di pericoli del web sono in particolare quello degli investimenti e quello di scommesse e gioco d’azzardo, oggi etichettati con nomi mutuati dall’inglese di betting e gaming.
Prendiamo questi ultimi due mondi: navigando su Internet si possono incontrare tantissimi bookmakers di gioco o di scommesse con offerte che a prima vista appaiono molto simili ma che in realtà sono profondamente diverse. Prima di scegliere è sempre bene analizzare a fondo la piattaforma che si ha davanti.

L’importanza della regolamentazione

Oggi esistono siti di scommesse sportive come novibet.it/scommesse all’interno dei quali sono presenti tantissimi eventi da scegliere: il tutto a fronte di molte promozioni ed offerte per garantire a chi gioca di farlo in modo responsabile ma allo stesso ottenere potenziali margini di vincita anche investendo poco capitale.

Tornando a parlare delle truffe, attenzione a scegliere sempre un sito, che sia di scommesse o di gioco, con una licenza rilasciata da un ente statale che può essere ad esempio l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli in Italia: quando un sito non presenta e non rende visibile la tipologia di licenza che possiede esso non è affidabile.

Discorso simile si registra nel mondo degli investimenti, noto come trading online: anche qui le truffe sono all’ordine del giorno e sono quasi sempre riferite alla presenza di piattaforme non regolamentate, che operano senza avere I requisiti minimi e di conseguenza senza poter offrire garanie agli utenti.

Articoli correlati

Back to top button