Nocera, estorsione e stalking ai danni di due minorenni: la confessione

cava-de-tirreni-aggressione-anziano-processo

Nocera, il 18enne finito ai domiciliari per estorsione e stalking ai danni di due minorenni di appena 16 anni, ha ammesso i suoi addebiti

Ha deciso di confessare il giovane nocerino finito ai domiciliari per estorsione e stalking ai danni di due minorenni di appena 16 anni. Il ragazzo ha ammesso i suoi addebiti. A breve  toccherà all’altro complice, un 16enne, rinchiuso in comunità, sottoporsi ad interrogatorio.

Estorsione e stalking, 18enne confessa

L’indagine è stata condotta dalla Procura di Nocera Inferiore, con il lavoro sul campo della polizia. Le vittime avrebbero sborsato 800 e 700 euro ai due indagati, che attraverso minacce e condotte moleste, avrebbero usato come scusa il fatto che la bicicletta di uno dei due fosse stata danneggiata da una delle vittime. I fatti risalgono alla fine dello scorso aprile

I due si sarebbero appostati nei pressi delle abitazioni di entrambi, citofonando in piena notte, effettuando telefonate continue e mandando messaggi minatori, promettendo di «spezzare» o di «accoltellare»i due.

La misura cautelare

Nel giustificare la misura cautelare per il 18enne, il gip aveva spiegato che si riteneva «altamente probabile che l’indagato continuerà a molestare e minacciare una delle vittime e la sua famiglia, non solo per estorcere ulteriori somme di denaro ma anche per ritorsione avverso la denuncia che loro hanno sporto nei suoi confronti».

TAG