Cronaca

Nocera Inferiore, buco da 10 milioni al Consorzio rifiuti: 13 sindaci indagati

C’è un buco di svariati milioni di euro nelle casse dell’Agenzia delle Entrate. La causa, il mancato pagamento dell’Iva da parte del commissario liquidatore del Consorzio per la gestione integrata di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani del Bacino Salerno 1. Secondo la procura della Repubblica presso il tribunale di Nocera la responsabilità dell’omesso pagamento da parte del commissario liquidatore, Fabio Siani, è di 13 sindaci e dello stesso Siani.

Sindaci indagati per un buco da 10 milioni al Consorzio rifiuti

Dopo cinque anni dall’avvio dell’inchiesta si è arrivati alla conclusione delle indagini. Il sostituto procuratore Davide Palmieri ha fatto notificare ai sindaci dell’Agro nocerino sarnese e della Valle dell’Irno l’avviso della conclusione delle indagini preliminari e l’informazione di garanzia.

Gli indagati

I sindaci, alcuni dei quali non più tali, sono:

  • Marco Galdi, ex sindaco di Cava de’ Tirreni
  • Francesco Longanella, ex sindaco di Castel San Giorgio
  • Giovanni Romano, ex sindaco di Mercato San Severino
  • Francesco Gismondi ex sindaco di Calvanico
  • Gaetano Montalbano ex sindaco di Nocera Superiore
  • Salvatore Bottone, ex sindaco di Pagani
  • Carmine Citro, ex sindaco di Pellezzano
  • Andrea Pascarelli, ex sindaco di Roccapiemonte
  • Sabato Tenore, ex sindaco di Siano
  • Pietro Pentangelo, sindaco di Corbara
  • Cosimo Annunziata, sindaco di San Marzano sul Sarno
  • Nunzio Carpentieri, sindaco di Sant’Egidio del Monte Albino
  • Manlio Torquato, sindaco di Nocera Inferiore

Le accuse

Sono accusati, in concorso con il commissario liquidatore, di non aver pagato, nei tempi previsti, l’acconto dell’Iva dovuta negli anni d’imposta 2013 e 2014. Nello specifico ognuno di loro avrebbe omesso di sovraintendere al funzionamento dei servizi ed all’esecuzione degli atti e di individuare le risorse finanziarie necessarie al versamento dei contributi dovuti dall’ente territoriale consorziato in base a quanto previsto dalla convenzione per la costituzione del Consorzio e dallo statuto del Consorzio.

Articoli correlati

Back to top button