Nocera Inferiore, hashish e marijuana nascosti nell’accappatoio: arrestato pregiudicato

droga-hashish-marijuana-nocera-inferiore

A Nocera Inferiore, la Polizia ha arrestato un pregiudicato per detenzione ai fini di spaccio di droga: nascondeva nell'accappatoio hashish e marijuana

A Nocera Inferiore, la Polizia ha arrestato un pregiudicato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti: nascondeva nell’accappatoio hashish e marijuana.

Arrestato per hashish e marijuana a Nocera Inferiore

Nella mattinata odierna, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Nocera Inferiore, con l’ausilio di unità cinofile antidroga della Questura di Napoli, effettuavano alcune perquisizioni per arginare il diffuso fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti negli ambienti giovanili.

Gli uomini del Commissariato effettuavano una perquisizione nell’abitazione di S.G., pluripregiudicato di Nocera Inferiore di anni 43, con precedenti per rissa, tentato omicidio, resistenza e oltraggio a P.U., detenzione di armi e detenzione di sostanze stupefacenti, e sottoposto alla misura di Sicurezza della Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di dimora nel comune di residenza.

Il canePocho”, dell’unità cinofila della Questura di Napoli, mettendo a frutto il suo perfetto addestramento, dopo essersi soffermato nei pressi del forno posizionato nel mobile della cucina, si dirigeva direttamente verso un accappatoio che si trovava riposto sul balcone dello stesso locale e segnalava la presenza di stupefacente al suo conduttore.

I poliziotti rinvenivano nella tasca dell’accappatoio un panetto di hashish di circa 100 grammi e 9 dosi già confezionate in buste trasparenti di marijuana, oltre ad un bilancino di precisione elettronico perfettamente funzionante.

Gli agenti, pertanto, in considerazione della personalità delinquenziale di S.G. e per i suoi specifici precedenti di polizia, traevano in arresto il responsabile per il reato di detenzione, ai fini di spaccio, di sostanze stupefacenti. L’uomo veniva posto agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del giudizio di convalida.

TAG