Politica

Nocera Inferiore, Manlio Torquato si ricandida: «c'è ancora lavoro da fare»

NOCERA INFERIORE. Il primo cittadino spiega il perché della sua ricandidatura e lo fa tramite Facebook. In vista delle elezioni amministrative il sindaco di Nocera Inferiore non si risparmia e comunica ai cittadini che dopo le imprese compiute durante il primo mandato c’è ancora molto lavoro da portare a termine.

«Dopo 5 anni di lavoro intenso e difficile mi sottoporrò al giudizio elettorale – dichiara il sindaco Manlio Torquato  -Siamo partiti da una situazione impossibile, ai limiti del fallimento di un comune in gravi difficoltà finanziarie, organizzative e gestionali. Nocera non è più quella del 2012. Non è quella del disastro Se.TA, della partecipata indebitata fino al collo, delle eterne incompiute, dell’assenza di pianificazione urbana, della raccolta “differenziata” ferma a metà.

Abbiamo lavorato con tenacia e passione. Ogni giorno, per ore ed ore, senza risparmiarci fatica, amarezza, delusioni, contrasti ma anche con l’orgoglio di poter dire: nonostante tutto, ce l’abbiamo fatta. Lo abbiamo fatto in modo onesto, istituzionale, chiaro. E Nocera, oggi, è nuovamente una città viva.

Eppure non tutto è fatto. Perché nel governo delle cose, come nella vita di ognuno, non si può mai dire raggiunta una meta. Molto c’è ancora da fare. Su alcuni fronti, dall’ambiente, alla mobilità urbana, alle politiche abitative, a quelle sociali. Su questo scontiamo ritardi giustificati, almeno in parte, dal fatto che “senza soldi non si cantano messe” e che molti problemi vanno gestiti insieme ad altri enti: Regione, Comuni vicini, Consorzi.

Molto lavoro, anche su questo, lo abbiamo già avviato. Ora va portato a termine. Va fatto in modo serio, onesto, tenace, forte. Davanti a noi nocerini la strada non è più in salita. È chiara, possibile, finalmente promette bene. Completeremo il lavoro avviato. Insieme. Per Nocera».

E sul social network già fioccano i primi complimenti ed appare evidente il sostegno dei cittadini nocerini.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button