Nocera, picchia un finanziere: 24enne nei guai

Si è difeso dinanzi al giudice il 24enne ucraino accusato di aver colpito con un pugno un finanziere libero dal servizio, un mese fa, a Roccapiemonte.

NOCERA INFERIORE. Si è difeso dinanzi al giudice il 24enne ucraino accusato di aver colpito con un pugno un finanziere libero dal servizio, un mese fa, a Roccapiemonte. Arrestato e sottoposto ai domiciliari dopo un’indagine condotta dalla Guardia di Finanza agli ordini del capitano Raffaele Giannico, Y.S. , difeso dal legale Bonaventura Carrara, è comparso ieri mattina davanti al gip Paolo Valiante.

«Non sono tornato da lui per aggredirlo, ma per avere spiegazioni sul suo comportamento». Questo avrebbe riferito il giovane, che quel giorno fu redarguito dal militare per il modo in cui stava guidando. Dopo essere sceso dall’auto, il ragazzo si era diretto verso il finanziere, cominciando a discutere. Sarebbe stato un gesto inconsulto dello stesso militare a farlo scattare, e quindi a colpirlo con un pugno in pieno volto.

Il finanziere era finito a terra, perdendo i sensi. In ospedale la prognosi diagnosticata per lui superava i 40 giorni. Il ragazzo, che risiede a Nocera, è stato arrestato dopo una lunga attività investigativa, composta da testimonianze e riprese video. Incensurato, Y.S. fu attenzionato – senza mai essere indagato – dalla Dda di Salerno che indagava sui gruppi criminali a Nocera Inferiore.

Il suo nome balzò nelle notizie di cronaca per aver percosso mesi fa e con tanto di scuse, il figlio dell’ex boss della Nco, Antonio Pignataro. La difesa ha chiesto al gip una misura cautelare meno restrittiva.

TAG