Cronaca

Nocera, tentò di rapinare un negozio gestito da cinesi: la condanna

Tentò di rapinare la sera del 6 gennaio scorso, un negozio gestito da cittadini cinesi. Un tentativo fallito, che era però costato il ferimento di due persone. Condanna in arrivo per  Alessandro Pignataro, 28enne di Nocera, figlio del più noto ex boss Antonio, per il reato di tentata rapina, lesioni e porto illegale di arma da fuoco in luogo pubblico.

Tentò di rapinare un negozio gestito da cinesi

Il gup lo ha giudicato colpevole con 3 anni di carcere e 1000 euro di multa, al termine del giudizio abbreviato. L’episodio avvenne  intorno alle 19,30 quando un uomo dal volto parzialmente coperto minacciò un ragazzo, figlio del titolare del negozio, un cinese, di consegnare i soldi dell’incasso della giornata.

In mano stringeva una pistola calibro 7,65. La vittima oppose resistenza, tentando di disarmare Pignataro, che a quel punto esplose un colpo di pistola.
Il proiettile, per fortuna del ragazzo, fu deviato dalla fibbia della cintura che indossava, prima di colpirlo ad una gamba.

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto