Cronaca

Rinchiude la moglie in casa perché “le donne serie non escono senza mariti”. Condannato a 3 anni e mezzo

Un uomo della provincia di Salerno è stato condannato 3 anni e 6 mesi per aver rinchiuso la moglie in casa. L’uomo dovrà anche pagare il risarcimento dei danni e le spese legali sostenute dalla vittima secondo la sentenza emessa dal tribunale di Nocera Inferiore nelle scorse ore come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Nocera, rinchiude la moglie in casa: condannato

I fatti risalgono al 2017, quando la donna trovò il coraggio di denunciare il marito, per ipotesi di reato quali maltrattamenti e lesioni. Dalle indagini è emerso come la personalità della donna fosse stata completamente annullata dai comportamenti dell’uomo.

Da tempo, infatti, la vittima era costretta a restare a casa per svolgere faccende domestiche, preparare il pranzo e badare ai figli. Poteva uscire solo con il permesso del marito e solo in un giorno festivo a settimana, in particolar modo la domenica, per recarsi dai suoceri e dove la coppia trascorreva l’intera giornata. La donna, residente in un comune della Valle dell’Irno, non poteva neanche portare i figli a scuola, oppure uscire di casa per fare la spesa o comprare qualche vestito. Per il coniuge, infatti “le donne serie non escono senza mariti”. Nelle scorse la sentenza e la fine dell’incubo per la donna.

Redazione L'Occhio di Salerno

Redazione L'Occhio di Salerno: comunicati stampa, notizie flash, contributi esterni del giornale

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio