Cronaca

Non viene riaperto il residence abusivo: mancano i documenti necessari

CAPACCIO PAESTUM. Il residence realizzato in località Linora abusivamente non potrà riaprire i battenti.

È stato disposto il divieto di prosecuzione dell’attività da parte del responsabile del Suap, nonostante il titolare avesse segnalato di aver presentato la Scia.

Gli uffici comunali hanno rivelato l’assenza delle condizioni per provvedere a conformare l’attività alla normativa vigente, mancando ulteriori documenti relativi all’immobile, gli stessi che avevano precedentemente portato al provvedimento di cessazione dell’attività.


contrassegni


Sempre in località Linora il Comune di Capaccio Paestum ha disposto lo sgombero di un’area dove erano presenti otto roulotte sprovviste di targa e utilizzate come moduli abitativi. Le stesse erano collegate con l’impianto elettrico e di smaltimento dei reflui.

era stata realizzata anche una tettoria sotto la quale insisteva un ulteriore modulo abitativo. Essendo state realizzate senza le necessarie autorizzazioni ne è stata ordinata la rimozione e il ripristino dello stato dei luoghi.

Infine in località Laura, in via Poseidonia, è stata disposta la rimozione di alcune opere realizzate abusivamente da due soggetti residenti nel salernitano. Dai controlli della polizia locale, infatti, è emerso che vi era stato un cambio di destinazione d’uso di un locale che, in seguito ad opere edili, era stato trasformato da portico e soggiorno con servizio igienico, a disposizione di un appartamento per le vacanze.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button