Cronaca

Olevano sul Tusciano, olio: UNASCO premia le etichette frutto della creatività dei ragazzi

OLEVANO SUL TUSCIANO. “Emozione, impegno e serietà” i tre aggettivi scelti dalla giuria del concorsoL’etichetta dei ragazzi del Tusciano”, organizzato dal consorzio nazionale dei coltivatori e produttori olivicoli UNASCO, conclusosi con un convegno scientifico e divulgativo sulle virtù dell’oro verde italiano, sulle sue proprietà nutraceutiche e sulla tracciabilità e con una cerimonia di premiazione a cui ha preso parte l’intera comunità di Olevano sul Tusciano.

Il concorso, basato sulla creatività e sulla capacità di mettere in etichetta tutti gli elementi utili a valorizzare le virtù dell’oro verde, della tracciabilità, della genuinità e della trasparenza, ha coinvolto l’intero paese in una giornata interamente dedicata all’olio, dalla visita al frantoio, alla degustazione, alla diffusione della cultura dell’olio.

I ragazzi delle scuole elementari e medie sono stati impegnati per settimane nel disegnare le etichette delle bottiglie di extravergine di oliva.

“Produrre olio è un atto di amore – ha raccontato ai ragazzi il Presidente di UNASCO, Luigi Canino, introducendo la premiazione – Un atto di amore per la propria terra, per la propria salute, un atto di amore per le proprie tradizioni”.

“Ci sono molti modi per raccontare l’eccellenza – ha sottolineato il coordinatore, Valerio Cappio, annunciando le due squadre vincitrici nelle due categorie: biologico e confezionato tradizionale – noi di UNASCO lo facciamo attraverso il sistema di tracciabilità che consente a ogni persona che acquista una bottiglia di olio extravergine di oliva di conoscere online sul sito “olioitaliano.it) ogni passaggio del percorso che porta dal campo alla tavola, i ragazzi hanno impiegato la propria creatività”.

L’iniziativa è stata realizzata da UNASCO e dalla Società cooperativa Laposa, con la collaborazione con la Pro Loco di Olevano sul Tusciano e dell’Azienda agricola Fierro Michele col patrocinio del Comune di Olevano sul Tusciano nell’ambito della campagna finanziata con il contributo dell’Unione Europea e dell’Italia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button