Cronaca

Omicidio Angelo Vassallo: la procura riparte dalle divise traditrici

SALERNO. L’omicidio del sindaco Angelo Vassallo ancora avvolto nel mistero. Un solo indagato noto, un decreto di archiviazione, e troppi dubbi irrisolti. A otto anni di distanza lo scenario è pressoché lo stesso.

I volti dei presunti protagonisti sono cambiati ma è sempre lo spaccio di droga sul porto di Acciaroli ad essere lo sfondo di questa tragedia. Il 2018 è stato l’anno di una doppia svolta per quanto concerne l’omicidio Vassallo: da un lato l’archiviazione delle accuse a Bruno Humberto Damiani, indicato per sei anni come il presunto killer; dall’altro, a pochi mesi da quell’archiviazione, l’apertura di un nuovo fascicolo d’inchiesta, con il nome del carabiniere Lazzaro Cioffi.



Il brigadiere in organico alla caserma di Castello di Cisterna, in carcere dallo scorso aprile per l’ipotesi di collusione con i narcos del Parco Verde di Caivano, è indagato per la morte di Vassallo con l’accusa di concorso in omicidio volontario aggravato dal metodo camorristico.

Lo scorso giugno, quando ancora riecheggiavano gli inviti di parti politiche e associazioni a non chiudere le indagini su Pollica, il sostituto procuratore antimafia Marco Colamonici gli ha notificato un avviso a comparire. Cioffi, su consiglio del difensore Saverio Campana, ha preferito non presentarsi, ma dalle poche indiscrezioni trapelate risulta che il suo nome sia stato tirato in ballo da un testimone, che lo avrebbe visto sul luogo dell’omicidio e che a quella circostanza ha dato rinnovata importanza dopo aver saputo del suo arresto per implicazioni nel traffico di droga dal Sudamerica. Dopo che ad aprile scorso un blitz della Dda di Napoli lo ha portato in carcere per complicità in un maxi giro di cocaina, dalla Procura partenopea sono stati trasmessi a Salerno alcuni atti che incrociano le vicende del carabiniere “infedele” con lo spaccio ad Acciaroli, e in cui ci sarebbe traccia anche di sue “incursioni” nel Cilento. Atti che fanno tornare di attualità pure le dichiarazioni che pochi giorni dopo il delitto furono rese agli inquirenti da un altro carabiniere, Luigi Molaro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button