Cronaca

Omicidio di Luana Rainone, il killer confessa: “Ho perso il controllo”

Omicidio di Luana Rainone, Nicola Del Sorbo ha confessato. Originario di Angri ma residente a Poggiomarino, ha dichiarato di aver perso il controllo: “Non ci ho visto più. Ho pensato che prima o poi mi sarei dovuto presentare ai carabinieri”.

Omicidio di Luana Rainone, la confessione

Il 34enne da ieri pomeriggio è in carcere con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere. Il motivo scatenante, a detta dell’indagato, assistito dall’avvocato Luigi Senatore, sarebbe riconducibile alle pressioni e ad un litigio che i due avrebbero avuto, poco prima del fatto di sangue. La giovane avrebbe imposto all’uomo di lasciare la sua attuale compagna, insieme ai figli, per stare con lei.

Chi è Nicola Del Sorbo

Il 34enne originario di Angri è padre di sette figli, di cui 4 avuti con la prima moglie, dalla quale è divorziato. E di altri tre con l’attuale compagna, che da tempo è stata affidata ad una casa famiglia. L’uomo si sarebbe rifiutato di lasciarla nonostante le pressioni di Luana. Quest’ultima avrebbe colpito l’uomo, durante una violenta discussione, con un telefonino. A quel punto lui avrebbe perso il controllo.

Nicola Del Sorbo ha un passato turbolento, con problemi di tossicodipendenza. Nel mese di dicembre del 2013, i carabinieri di Sant’Antonio Abate lo avevano arrestato con l’accusa di estorsione, lesioni e violenza privata nei confronti dei suoceri. Quel giorno, era entrato in casa, in stato d’agitazione e con la forza, pretendendo che gli stessi gli consegnassero 50 euro per comprare la droga.

Da tempo, il 34enne si era arrangiato con diversi lavori, prima il muratore poi il bracciante agricolo, fino ad aiutare la sorella nella coltivazione di un terreno a Poggiomarino. «È stato vittima degli eventi della vita – ha spiegato il legale Luigi Senatore – è un ragazzo che forse non è mai uscito definitivamente dal problema di tossicodipendenza».

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio