Cronaca

Attimi di paura ad Omignano, operaio rischia shock anafilattico: salvato dal sindaco

L'uomo sarebbe stato soccorso e salvato immediatamente dal Sindaco Raffaele Mondelli in attesa dell'arrivo dell'ambulanza

Attimi di paura nel pomeriggio di oggi nel Cilento, precisamente ad Omignano Scalo, dove un operaio rischia lo shock anafilattico: secondo quanto riportato da Info Cilento, l’uomo sarebbe stato soccorso e salvato immediatamente dal Sindaco Raffaele Mondelli in attesa dell’arrivo dell’ambulanza.

Omignano Scalo, operaio rischia shock anafilattico

Durante una riunione presso la Comunità Montana Alento-Monte Stella, un operaio sarebbe stato punto da uno o più insetti. Ha subito accusato un malore, probabilmente causato da una reazione allergica, che lo avrebbe quasi fatto andare in shock anafilattico.

I soccorsi

Immediato l’allarme, in attesa dell’arrivo dell’ambulanza il sindaco Raffaele Mondelli ha praticato le giuste manovre che lo hanno salvato. Sul posto è poi arrivata l’ambulanza che per precauzione lo ha trasportato in ospedale.

Pollica, sventata esplosione grazie ad un cameriere

Chiesto un encomio per Mariano Vassallo, un cameriere che nei giorni scorsi ha sfidato le fiamme divampate in un appartamento e ha evitato un’esplosione che avrebbe potuto causare delle vittime ed ingenti danni all’edificio.

Questa la richiesta di amici, parenti e di quanti conoscono o hanno apprezzato il gesto eroico di una persona umile nella frazione Celso.

La dinamica

Era domenica scorsa, quando sono avvenuti i fatti, e il cameriere cilentano stava per andare a lavoro. Ad un certo punto però è stato attirato dalle urla di alcune persone che provenivano da una casa vacanze poco lontana da casa sua. Non ha perso tempo ed è corso a vedere cosa succedeva. Si è trovato davanti alla situazione ed ha preso le redini in mano evitando che potesse finire, probabilmente, in una tragedia.

Infatti, nella struttura erano andate a fuoco due bombole che alimentavano la caldaia. “Ho preso un secchio d’acqua e ho provato a spegnere le fiamme. Ma le bombole erano già incandescenti. E così, senza pensarci due volte, mi sono messo addosso una coperta e mi sono lanciato tra le fiamme per chiudere le bombole dalle quali fuoriusciva il fuoco”, questo il racconto del cameriere 60enne.

Articoli correlati

Back to top button