Cronaca

Open Day vaccinale a Campagna, dosi Pfizer per gli over 16 | Le informazioni utili

Open Day vaccinale a Campagna, oggi 5 giugno al palazzetto dello Sport per gli over 16. Verrà somministrato il vaccino Pfizer

Open Day vaccinale a Campagna, oggi 5 giugno al palazzetto dello Sport per gli over 16. Verrà somministrato il vaccino Pfizer. Ecco le informazioni utili per aderire.

Open Day vaccinale a Campagna: le informazioni utili

“Apertura a tutte le fasce di età ( da over 16) presso il palazzetto dello sport di Campagna, da ora fino ad esaurimento scorte. Sarà somministrato il  vaccino Pfizer. L’Open Day è valido solo per i cittadini campagnesi”. Si legge nel comunicato diramato dalla Protezione Civile.

Come funziona il vaccino di Pfizer

Il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 (Comirnaty) contiene le molecole di RNA messaggero (mRNA) che presentano al loro interno le indicazioni per costruire le proteine Spike del virus SARS-CoV-2. Nel vaccino, le molecole di mRNA sono inserite in una microscopica vescicola lipidica, una “bollicina” che protegge l’mRNA per evitare che deperisca in fretta (come solitamente accade) e che venga distrutto dalle difese del sistema immunitario in quanto componente estraneo all’organismo, così che possa entrare nelle cellule.

Una volta iniettato il vaccino, l’mRNA viene assorbito nel citoplasma delle cellule e avvia la sintesi delle proteine Spike. La loro presenza stimola così la produzione, da parte del sistema immunitario, di anticorpi specifici. Con il vaccino dunque, non si introduce nelle cellule di chi si vaccina il virus vero e proprio (e quindi il vaccino non può in alcun modo provocare COVID-19 nella persona vaccinata), ma solo l’informazione genetica fondamentale alla cellula per costruire copie della proteina Spike.

La vaccinazione inoltre attiva anche le cellule T che preparano il sistema immunitario a rispondere a ulteriori esposizioni al virus SARS-CoV-2: se in futuro la persona vaccinata dovesse entrare in contatto con il virus, il suo sistema immunitario ne avrà memoria, lo riconoscerà e si attiverà per combatterlo, bloccando le proteine Spike e impedendone l’ingresso all’interno delle cellule.

Una volta compiuta la propria missione, l’mRNA del vaccino non resta nell’organismo ma si degrada naturalmente pochi giorni dopo la vaccinazione. Non c’è pertanto alcun rischio che entri nel nucleo delle cellule e ne modifichi il DNA.

Il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 (Comirnaty) viene somministrato in due iniezioni, in genere nel muscolo della parte superiore del braccio, a distanza di almeno 21 giorni l’una dall’altra.


 

 

Articoli correlati

Back to top button