Operazione “Last Day”, libero Luigi Garmiele

polizia

Garmiele era stato coinvolto nell'operazione che aveva portato all'arresto di una banda specializzata in rapine ai danni di furgoni portavalori

SARNO. Era stato coinvolto nel maxiblitz “Last day“, eseguito dalle squadre Mobili delle Questure di Foggia e Salerno coordinate dal Sco, che aveva portato  all’arresto di una banda specializzata in rapine a danno di furgoni portavalori e banche sull’asse Foggia-Salerno. L’imprenditore di Sarno, Luigi Garmiele, 58 anni, è stato liberato. Alle spalle aveva già un divieto di dimora in tutti i comuni italiani, ma gli era stata concessa la possibilità di portare avanti le sue aziende di abbigliamento in Romania. La notizia è riportata da il Mattino.

Le indagini

Durante l’interrogatorio di garanzia aveva negato ogni responsabilità, spiegando di non conoscere nessuno dei coindagati per gli episodi criminali e le rapine contestate, ammettendo la conoscenza solo con un’altra persona, tra quelle finite nella rete della Dda.
L’operazione legata all’indagine era scattata quasi due mesi fa, al culmine di un lavoro congiunto delle questure di Foggia e Salerno.

In particolare i poliziotti avevano individuato un piano per realizzare un assalto con kalashnikov Ak-47 e jammer per neutralizzare i sistemi di allarme satellitari e le comunicazioni con i cellulari, con la dotazione di maschere di prima qualità procacciate in negozi specializzati via web ed adoperate negli assalti.

Secondo le indagini, il gruppo aveva studiato tappa per tappa il percorso di un portavalori blindato come un carroarmato che, in Germania, nella provincia di Coblenza nel lander della Renania – Palatinato, trasportava milioni di valori. La banda era suddivisa in cellule sparse tra il Foggiano, l’Agro nocerino sarnese, il Napoletano e il Veronese, con ulteriori contatti con la Germania. Il blitz comprese complessivamente 19 misure cautelari, con nove della banda finiti in carcere, otto gli arresti domiciliari.

TAG